Gessica Notaro, su Fb insulti choc: «Donna ciclope, meritavi l'acido». Gli haters identificati e denunciati
di Domenico Zurlo

Gessica Notaro, su Fb insulti choc: «Donna ciclope, meritavi l'acido». Gli haters identificati e denunciati

«Sei la donna ciclope», «l'acido te lo sei meritata»: questi e altri commenti erano apparsi sulla pagina Facebook di Gessica Notaro, la ragazza ex 'miss' sfregiata con l'acido dal suo ex compagno, Eddy Tavares, condannato la scorsa settimana in appello a 15 anni e 5 mesi. Messaggi terribili da parte di haters, due dei quali sono stati identificati e denunciati e dovranno ora rispondere di diffamazione aggravata.

Tavares condannato a 15 anni. Sarà espulso dopo il carcere: «Ma quando esce starò attenta»



Gli insulti erano arrivati sotto un post di Gessica del 2017, in cui era intervenuta in difesa del Delfinario di Rimini, dove lavorava, che era a rischio chiusura. Un'abitudine, quella dei commenti choc contro le donne o in generale anche contro i personaggi noti, che ha purtroppo preso piede negli ultimi anni sui social network. 

Gessica Notaro da Barbara D'Urso: «C'è una speranza per il mio occhio»

A presentare querela erano stati i legali della ragazza: purtroppo solo due degli autori dei commenti sono stati identificati, ma le autorità stanno cercando di individuare anche gli altri. Sperando che serva da monito per gli autori di questo tipo di atti a capire che i social non sono una zona franca in cui si può dire e fare ciò che si vuole, ma si possono anche pagare le conseguenze delle cattiverie che si scrivono.



Intanto Tavares, il trentenne condannato, continua a dichiararsi innocente. Ma per i legali di Gessica, Alberto e Fiorenzo Alessi, anche se «è un suo diritto», solo «una constatazione: fino ad ora, tutti i giudici che nelle diverse fasi processuali hanno giudicato e sentenziato in nome del popolo italiano, hanno ritenuto l'imputato colpevole dei gravi reati contestatigli». Finora, hanno detto gli avvocati, è stato condannato «senza alcun dubbio ed incontestabilmente. Di questo, e solo di questo, al momento si deve oggettivamente tenere conto».
Ultimo aggiornamento: Martedì 20 Novembre 2018, 13:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA