Gerardo, 55 anni, ucciso in un agguato: un mese fa il figlio aveva ucciso il figlio di un boss

Una scia di sangue che non si ferma in provincia di Foggia. Il figlio dell'uomo, nella notte tra il 3 e il 4 settembre, aveva ucciso un altro ragazzo, figlio di un presunto boss

Gerardo, 55 anni, ucciso in un agguato: un mese fa il figlio aveva ucciso il figlio di un boss

Una lunga scia di sangue in provincia di Foggia. Un uomo di 55 anni, Gerardo Lorenzo Tammaro, è stato ucciso questa mattina in un agguato in strada.

Andrea ucciso a vent'anni, un 26enne si consegna. Il movente choc: «Ucciso perché l'ha visto con la ex»

L'agguato

L'omicidio è avvenuto in via Salvo D'Acquisto, a Orta Nova: il 55enne, di professione agricoltore e incensurato, è stato colto di sorpresa da due persone arrivate in sella ad uno scooter di grossa cilindrata e ucciso con diversi colpi di arma da fuoco, almeno quattro secondo una prima ricostruzione. 

La vittima, il figlio omicida e la spinta alla confessione

Gerardo Lorenzo Tammaro è padre di Mirko, il 26enne che aveva confessato di aver ucciso il ventenne Andrea Gaeta (figlio di Francesco, presunto boss locale) nella notte tra il 3 e il 4 settembre scorso. Era stato proprio Gerardo a spingere il figlio a costituirsi, ammettendo le sue responsabilità. Il 26enne confessò di avere ucciso Gaeta per gelosia perchè aveva visto più volte la sua ex fidanzata in compagnia dell'altro giovane. Motivo per cui gli investigatori inquadrano l'agguato di stamane come una possibile vendetta della famiglia Gaeta, ad un mese esatto di distanza. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 3 Ottobre 2022, 16:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA