Genova choc, l'Assessore invita due ragazzi a mettere la mascherina: presa a calci e pugni

Genova choc, l'Assessore invita due ragazzi a mettere la mascherina: presa a calci e pugni

Damonte è stata soccorsa dal personale di Trenitalia

Presa a schiaffi e pugni per aver chiesto di mettere la mascherina. E' quanto successo all'Assessore all'ambiente e pubblica istruzione di Arenzano (Genova), Giovanna Damonte, che, a bordo di un treno è stata aggredita da una 18enne e un altro ragazzo ripresi per non aver rispettato le norme anti covid.

 

Leggi anche - Difende l'amica dallo stalker: Damiano picchiato e ucciso a 50 anni

 

Quando l'assessore ha rimproverato la giovane e un altro ragazzo, la 18enne ha prima colpito la Damonte a schiaffi, e poi è salita su un sedile per prenderla a calci. Dopo l'aggressione i due ragazzi sono scappati.

Il treno si trovava tra Sampierdarena e Genova Principe quando l'assessore si è rivolta ai due ragazzi, offrendo loro anche una mascherina sigillata. 

 «Calci e schiaffi, su un treno, solo per aver chiesto a una ragazzina di indossare la mascherina, come prevede la legge. Un episodio di violenza inaccettabile e da condannare fermamente. Solidarietà a Giovanna Damonte, vittima di questa brutta aggressione. Quando capiremo che il nemico da combattere è il Covid sarà sempre troppo tardi» ha commentato il presidente di Regione Liguria, Giovanni Toti.

Damonte è stata soccorsa dal personale di Trenitalia e, una volta arrivata a Genova è stata trasportata al pronto soccorso per le cure mediche del caso.

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Novembre 2021, 16:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA