Rita Dalla Chiesa, la rabbia per gli insulti al papà Generale: «Basta crudeltà gratuita sui social»

Rintracciati i dispositivi utilizzati dall'uomo per colpire

Generale Dalla Chiesa insultato, la rabbia della figlia Rita: «Basta crudeltà gratuita sui social»

Aveva promesso che non avrebbe lasciato correre e così è stato. Di fronte agli insulti via web che oltraggiavano la memoria del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, la figlia Rita Dalla Chiesa è stata drastica.

Leggi anche > Rita Dalla Chiesa derubata al cimitero: «Mi ha infilato la mano nella borsa...». Cos'è accaduto

Generale Dalla Chiesa insultato, la rabbia della figlia Rita: «Basta crudeltà sui social»

Come promesso, l'opinionista si è rivolta all'Arma dei Carabienieri che in queste ore ha fatto scattare le perquisizioni nella casa dell'uomo che avrebbe creato i profili falsi per insultare la famiglia Dalla Chiesa.

I Carabinieri del comando provinciale di Roma, su delega della locale procura, sono riusciti a risalire alla connessione Internet e ai dispositivi utilizzati per creare i profili falsi da cui l'uomo, oggi indagato, accedeva con il preciso intento di pubblicare insulti contro il Generale morto nella strage di Carini il 3 settembre 1982 e contro Massimo Santoro, genero della conduttrice, morto a 52 anni.

Nel corso della perquisizione, i Carabinieri avrebbero sequestrato due telefoni cellulari e un computer appartenenti ai familiari dell'indagato – questi ultimi deferiti all'autorità giudiziaria – in cui sarebbero state trovate tracce informatiche che ricondurrebbero ai profili falsi. L'ipotesi è che abbiano pubblicato, almeno in nove occasioni, insulti ai danni della famiglia Dalla Chiesa.

Non si sono fatte attendere le parole di Rita Dalla Chiesa che sui social ha commentato: «Le parole possono fare molto male. Soprattutto quando vanno a toccare persone che non ci sono più. I social devono essere terreno di incontro o di scontro, ma senza mai arrivare alla crudeltà gratuita. Ho denunciato. Grazie Arma dei Carabinieri».

Non si sono fatte attendere le parole di solidarietà di alcuni colleghi e amici come Tiberio Timperi, Gianni Tonelli e Francesca Barra, che ha scitto: «Brava Rita, anche se doloroso non si può mollare».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Giugno 2022, 20:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA