Gemellini uccisi, esami tossicologici per capire se il papà li aveva narcotizzati. «La bimba legata prima di essere strangolata»

Gemellini uccisi, esami tossicologici per capire se il papà li aveva narcotizzati. «La bimba legata prima di essere strangolata»

Come sono morti davvero Diego ed Elena, i due gemellini di 12 anni uccisi dal padre Mario Bressi, che dopo il duplice omicidio si è suicidato buttandosi da un ponte a una decina di chilometri di distanza? Ci vorranno alcuni giorni per ottenere i risultati degli accertamenti tossicologici sui corpi dei due bambini, uccisi nella notte tra venerdì e sabato nell'appartamento di Margno, in Valsassina, dov'erano in vacanza proprio col papà.

Leggi anche > Covid, la bella notizia a Bergamo: «A giugno pochi malati gravi, quasi tutti senza sintomi»

Gli accertamenti, disposti anche sul corpo del padre, sono stati effettuati per capire l'eventuale assunzione di tranquillanti o altro. Dall'autopsia eseguita ieri risulta che i piccoli siano stai strozzati: la bambina sembra che avesse segni di contenzione, quasi fosse stata legata prima di essere uccisa, a giudicare da alcuni segni sulle braccia. non li aveva invece il bambino.



Intanto il pm Andrea Figoni e il procuratore di Lecco, Antonio Chiappani, che stanno indagando sulla triste vicenda in collaborazione con i carabinieri, continuano l'analisi del contenuto dei telefonini trovati e del computer di Bassi.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 1 Luglio 2020, 22:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA