Morto Galeazzi, sulla malattia e il diabete raccontò: «Quando mi emoziono mi tremano le mani»

Morto Galeazzi, sulla malattia e il diabete raccontò: «Quando mi emoziono mi tremano le mani»

A Domenica In disse: «La vita mi ha dato moltissimo, ho gli ultimi 500 metri da attraversare»

Il mondo dello sport piange Giampiero Galeazzi. Lo storico giornalista è morto all'età di 75 anni dopo aver combattuto per lunghi anni contro una brutta malattia. Non un Parkinson come si era pensato inizialmente dopo la sua lontananza dagli schermi, ma una brutta forma di diabete che fu lui stesso a confermare.

 

Leggi anche > Morto Giampiero Galeazzi, storico giornalista e telecronista Rai. Aveva 75 anni

 

Durante una puntata di Domenica In nel gennaio 2019 si presentò sulla sedia a rotelle, ma qualche tempo dopo in un'intervista a Fuorigioco raccontò il motivo di quella scelta. «È stato un errore presentarmi lì così. Sui social mi hanno già fatto il funerale ma io sono ancora vivo - disse - Non ho il Parkinson, ho problemi di diabete. La salute va su e giù, come sulle montagne russe. Ho sbalzi di pressione, gonfiore alle gambe. Quando mi emoziono, mi tremano le mani, ma non sono messo così male. A 72 anni ho anche perso un po’ di chili». 

 

 

 

A Fuorigioco Galeazzi raccontò il motivo di quella scelta: «La verità è che sono reduce da un’operazione al ginocchio sinistro, mi muovo con le stampelle. Lo studio era pieno di cavi e, per non rischiare, un assistente ha pensato bene di mettermi su una carrozzina». A Mara Venier però nel corso dell'intervista aveva confessato: «La vita mi ha dato moltissimo, ho gli ultimi 500 metri da attraversare».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 12 Novembre 2021, 13:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA