Incidente a Nettuno, chi è Gabriele Maddonni. I post su Facebook: «Vivo la mia vita a un quarto di vino»

Incidente a Nettuno, chi è Gabriele Maddonni. I post su Facebook: «Vivo la mia vita a un quarto di vino»

Gabriele Maddonni è l'uomo che si è schiantato contro un palo in via dei Frati a Nettuno provocando la morte della figlioletta di quasi 9 anni e il ferimento dell'altra figlia, di 7 anni. Risultato positivo all'alcoltest con un valore di 0,80 a distanza di ore dall'incidente, Maddonni stava guidando con la patente revocata da 9 anni e senza assicurazione.

Nettuno, Nicole morta in auto a 8 anni. La rabbia della famiglia: «Il padre l'ha uccisa, non lo perdoneremo mai»
Incidente a Nettuno, autopsia sul corpo della bimba morta. La sorellina di Nicole torna a casa



Il 39enne era già conosciuto alle forze dell'ordine e si era visto revocare la patente nove anni fa, dopo essere stato trovato più volte alla guida in stato d'ebbrezza. L'auto è risultata anche priva di assicurazione e senza revisione.



Ubriaco al volante, la moglie va a recuperarlo e lo prende a schiaffoni

Nonostante tutto, sui social l'uomo continuava a postare foto con la sua Bmw e si faceva immortalare spesso con bottiglie di liquore. Sul suo profilo Facebook anche immagini in posa con il busto del duce o quella che richiama il logo della saga cinematografica 'Fast and Furious', basata sulle corse e sulle battaglie d'auto, la scritta 'The Fate of The Furious' e il suo commento: 'Vivo la mia a un quarto di vino'.

 
 

Al Corriere della Sera Maddonni ha fornito i suoi ricordi degli attimi precedenti la tragedia: «Ho portato le bambine al circo Ercolino, poi con loro volevo andare a riprendere mia moglie al Belvedere (uno stabilimento balneare con ristorante) per tornare a casa. L’ultima cosa che ricordo è quando mi sono fermato nell’area di servizio non lontano da dove abitiamo per comprare le sigarette al distributore automatico. Sono risalito in macchina e non so cosa sia successo. Non so perché sono finito fuori strada».
Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 20:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA