Gabriele Corsi, papà sempre connesso: «897 messaggi al giorno, se sto online do poche attenzioni»

Gabriele Corsi, papà sempre connesso: «897 messaggi al giorno, se sto online do poche attenzioni»

Gabriele Corsi, attore, comico e conduttore televisivo romano, quanto tempo dedica allo smartphone?
«Ho scoperto che gliene dedico davvero troppo. Mi sono sorpreso».

Genitori troppo connessi: mamma e papà sempre sui social, figli isolati

Perché?
«In una settimana ricevo qualcosa come 897 messaggi. Sono legati soprattutto ai gruppi di lavoro».
Sono tanti in effetti, ma perché li ha contati?
«Non li ho contati io. Sono laureato in statistica e faccio attenzione ai numeri: ho attivato il contatore dei tempi di utilizzo dello smartphone, dai messaggi alle telefonate fino ai social network».
E il risultato l'ha colto di sorpresa?
«Si, infatti ho impostato anche il tempo limite. Credo sia importante riflettere sulla necessità reale dello smartphone: tutti diciamo di usarlo per lavoro, ma non è proprio così. Alla fine una volta che ci siamo, lo usiamo anche per giocare. Ma non è possibile starci 20 ore a settimana».
Troppo, specie quando si sta con i figli...
«Troppo, sì: 20 ore dedicate al cazzeggio, senza avere però un amico vicino».
E' vero che per gli adolescenti è più semplice stare sui social e contemporaneamente fare altro?
«La capacità del multitasking appartiene alle donne. Io non do' troppe attenzioni agli altri quando sono online».

(L.Loi.)
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 10 Ottobre 2018, 09:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA