Mottarone, Angelica Zorloni: «Me li avete ammazzati, non ci sarà mai perdono»

Video

«Me li avete ammazzati e a questo, mi spiace, non ci sarà mai nessun tipo di perdono»: così in una storia su Instagram ha scritto Angelica Zorloni, primogenita di Vittorio morto insieme alla compagna Elisabetta Persanini e al loro figlio di 5 anni Mattia nella tragedia del Mottarone. La storia - con la foto della famiglia sorridente - è stata postata dopo la notizia dei tre fermi per l'incidente della funivia che ha causato la morte di 14 persone.

 

Tragedia funivia Mottarone, «Eitan ha riaperto gli occhi». L'ospedale: poco fa è stato estubato

 

 

La lettera d'addio

Angelica Zorloni ha scritto ieri su Facebook: «So che da lassù adesso faremo finalmente pace perché, semplicemente, in questa vita non eravamo destinati a riuscire a parlarci in modo giusto». La giovane, nata da una precedente unione del padre, ha consegnato ai social il suo saluto, affermando che se «non è stato in questa vita sarà la prossima in cui sistemeremo tutto e ci riabbracceremo».

«Papà, ironia della sorte oggi io ero sul versante opposto della montagna con la mia famiglia», ha scritto Angelica postando una foto di Vittorio con Mattia e il nipotino, «voi avete pensato di andare finalmente a farvi un bel giro in funivia nel primo giorno di sole e libertà e invece le nostre strade si sono divise per sempre». Poi la giovane ha parlato delle incomprensioni avute con il papà, e ha aggiunto: «comunque papà ti ho amato tanto e per questo mi facevi così arrabbiare e so che anche tu mi hai amata tanto», e «anche se non leggerai mai queste parole c'è una cosa più grande e potente che ci legherà in eterno». Un saluto anche per il piccolo Mattia: «Oggi diventi un angelo meraviglioso e tanto prezioso, accompagnato dalla tua mamma, vi porto nel cuore come solo le cose belle si possono portare».

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Maggio 2021, 15:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA