Fuga dal carcere ad Avellino, chi sono i due detenuti evasi. «Sono ancora in fuga»

La fuga da film nella notte tra lunedì e martedì. I due detenuti, un marocchino e un romeno, condannati rispettivamente per spaccio e per concorso in omicidio

Fuga dal carcere ad Avellino, chi sono i due detenuti evasi. «Sono ancora in fuga»

Non c'è ancora traccia di Hassin Kilifi e di Florin Mocian, i due detenuti evasi ieri dal carcere di Avellino. Le forze dell'ordine sono ancora alla ricerca dei due uomini, di 40 e 22 anni, fuggiti ieri dal carcere insieme ad un altro detenuto, di nazionalità albanese, che però è stato catturato poco dopo dai carabinieri.

Leggi anche > Funzionario di polizia sospeso perché no-vax: va all'hub vaccinale e chiama i carabinieri

Avellino, chi sono i detenuti in fuga

Hassin Kilifi, 40enne marocchino nativo di Marrakech, e Florin Mocian, 22enne romeno, sono i due detenuti in fuga dopo l'evasione di ieri dal carcere di Avellino. Il marocchino, in carcere dal 5 maggio scorso, era stato condannato a 6 anni e 3 mesi per traffico di droga e avrebbe dovuto finire di scontare la sua pena alla fine di agosto 2027. Il giovane romeno, invece, doveva scontare una pena fino al 2032 per concorso in omicidio.

Dopo aver praticato un foro nella parete della loro cella, i detenuti si sono calati con delle lenzuola annodate nel piazzale interno e, dopo aver scavalcato il muro di cinta esterno, sono fuggiti in strada. L'evasione era avvenuta nella notte tra lunedì e martedì e, vista la tempestività con cui i due evasi sono spariti, è ormai praticamente certo che ad attenderli ci fosse un'auto pronta per favorirne la fuga.

Avellino, le evasioni dal carcere

Nel dicembre del 2012 quattro detenuti nel carcere di Avellino evasero dopo aver rimosso i mattoni della parete della cella per poi calarsi dalla finestra utilizzando, anche il quel caso, lenzuola annodate. Arrivati nel cortile interno, utilizzarono i cassoni della spazzatura come pedane per superare il muro di cinta. I quattro evasi, tre pugliesi e un campano, vennero poi intercettati e arrestati alcuni giorni dopo a Potenza. Nel giugno del 2020 un'altra evasione venne sventata dagli agenti in servizio nel carcere avellinese. Due detenuti romeni vennero fermati prima della fuga dopo aver «bucato» il muro della cella coprendolo con un impasto di acqua e farina per non destare sospetti.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 12 Gennaio 2022, 14:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA