Morto D'Avino, il «Re dello Zucchero»: trovato senza vita in albergo
di Cristina Cennamo

Francesco D'Avino morto, il «Re dello Zucchero» trovato senza vita in albergo

Un lutto tanto drammatico quanto inaspettato per la comunità di Poggiomarino, in provincia di Napoli, e per gli addetti ai lavori dell'industria dolciaria. Questa mattina infatti in un albergo di Rimini, dove si era recato per parteciapre al Sigep, il salone della pasticceria, è stato trovato senza vita il corpo di Francesco D’Avino, il «re dello zucchero» come molti chiamavano l'imprenditore campano di fama mondiale.



D'Avino infatti era riuscito ad esportare il marchio dello zuccherificio fondato nel 1927 dal padre Vincenzo in tutto il mondo dopo aver ereditato le redini dell’azienda alla morte del fondatore, avvenuta nel 2016.

A lui si devoni ad esempio la creazione delle famose bustine usa e getta diffuse oggi in tanti bar e ristoranti o la customizzazione del prodotto e naturalmente la notizia della sua morte ha dato il via ad un vorticoso tam tam, in particolar modo tra i quasi cinquanta dipendenti della sua azienda, di cui ricopriva l'incarico di Amministratore Unico.
Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio, 09:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA