Finanziere uccide la moglie e la cognata in cartoleria, poi si suicida

  • 124
    share
Duplice omicidio a Vairano Patenora, nel Casertano. Le vittime sono due donne della stessa famiglia; il responsabile, marito di una delle due, è morto dopo una lunga agonia alle ore 18 e 30. L'uomo, Marcello De Prata di 52 anni, appuntato scelto della guardia di finanza in servizio al porto di Napoli, si è ucciso con un colpo alla tempia sparato con la sua pistola d'ordinanza.
 
 



Milano, incidente in metro rossa: feriti alla fermata Uruguay. Frenata per una donna sui binari

ll fatto è avvenuto nella cartoleria «Laurenza» di Vairano Scalo. Sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Capua. Stando ad alcune indiscrezioni, il finanziere ha ucciso la moglie Antonella Laurenza (che gestiva la cartoleria con i suoi genitori) e la sorella di lei, Rosanna, insegnante. Ha ferito i suoceri, titolari della cartoleria in via Roma. Sono stati rintracciati i figli della coppia: una ragazza di 20 anni e il fratello di 14. Sul posto i carabinieri dell'Arma coordinati dal colonnello Alberto Maestri, i medici del 118 e il pm di turno in procura a Santa Maria Capua Vetere, Annalisa Imparato.


LO SCENARIO
«Lei era terrorizzata, viveva con la paura di essere uccisa. Erano continue le liti con il marito». Questi i primi commenti a caldo delle amiche di Antonella Laurenza, la donna uccisa dal marito questo pomeriggio a Vairano Patenora nella cartoleria del centro.

Giovedì 15 Novembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 16-11-2018 13:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-11-16 16:27:16
In un certo senso maxrossi ha ragione,quelli in divisa l’arma ce l’hanno a portata di mano,ma siamo sempre lì xche’quando c’è la strage si pensa a un gesto di follia.
2018-11-16 12:58:32
Assolutamente nessun pregiudizio. Ripeto è sottolineo e ve ne sono prove provate che la divisa non fa la persona. La divissaluto permette di poter sperare in un salvataggio delle azioni commesse. Un comune cittaDino nulla può. @bizza76 tutto qui. Ad oggi ne ho viste e sentite molte
2018-11-16 10:22:19
Se uno vuole fare un omicidio, l'arma se la trova; @maxrossi non capisco questo tuo accanimento nei confronti delle persone in divisa??? t'hanno fatto qualcosa in particolare?
2018-11-16 07:00:39
Non sarà l'ultimo purtroppo. In un Paese Italia che non ha rispetto per nulla e nessuno è la logica conseguenza. A torto o a ragione delle persone coinvolte le denunce e i segnali ci stavano tanti e concordati. Si interviene per tempo si toglie l'arma all'omicida , e il problema almeno momentaneo è risolto. E invece no. Si lascia l'arma perché portare la divisa è sinonimo di purezza, si attende la strage, si portano via i morti, e poi si apre il tanto famoso Fascicolo. Passano anni anni anni poi più nessuno ne parla e nessuno se ne ricorda, e via con il prossimo. Eh si, con il prossimo, perché chi di competenza oltre che aprire un fascicolo cosa altro può fare? Si, è vero che se uno impazzisce è imprevedibile, ma se impazzisce senza una arma, a maniente nude ci si può difendere. E sempre invece no, basta una divisa per dividere i buoni dai cattivi. Ci sono molti delinquenti patentati, che una cosa del genere non la farebbero mai, e non hanno la divisa. Diceva il nostro grande Totò, più o meno non ricordo bene , che..Puoi avere un vestito che costa milioni, ma se dentro non ci sta un uomo, resti sempre un pezzente. Ecco, questo criminale assassino ed altri con la divisa che hanno fatto la stessa cosa sono dei criminali con la divisa e peggio pure pezzenti
DALLA HOME