Filomena, psichiatra uccisa a Napoli dal figlio 17enne: una lite choc degenerata in coltellate

Nelle prossime ore atteso l'esito dell'autopsia, si indaga sulla salute psichica del 17enne

Filomena, psichiatra uccisa a Napoli dal figlio 17enne: una lite choc degenerata in coltellate

Lo hanno visto con le mani completamente insanguinate, i palmi rivolti verso l'alto e le braccia aperte, mentre chiedeva aiuto dal balcone di casa sua, all'interno della quale aveva appena ucciso la madre. Con tagli su polsi e mani, si è affacciato e ha iniziato ad urlare la sua disperazione. Una scena che molti dei presenti non dimenticheranno facilmente, quella avvenuta a Napoli, alle Rampe di San Giovanni Maggiore. Filomena Galeone, dirigente medico psichiatra dell'Asl Napoli 1, era appena stata uccisa dal figlio adottivo, un 17enne, sotto gli occhi del marito.

Leggi anche > Napoli, 17enne uccide la madre a coltellate dopo un litigio e poi si barrica in casa

Come scrive Melina Chiapparino per Il Mattino, tutto era nato da una lite tra madre e figlio per la Playstation. Una lite degenerata in coltellate che non hanno lasciato scampo alla 61enne e che lascia un'intera città sotto choc. Sia Filomena Galeone che suo marito, medico e docente universitario, sono molto conosciuti e apprezzati a Napoli. Insieme avevano adottato un bambino originario della Lituania, diventato oggi adolescente e assassino reo confesso. Il ragazzo si era affacciato dal balcone, gridando per chiedere aiuto, e urlando anche di essere chiuso in casa senza avere le chiavi.

Per i primi soccorsi, quindi, è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco, che sono entrati da una finestra e poi hanno aperto la porta dell'appartamento al personale del 118. Le condizioni di Filomena Galeone sono apparse subito disperate: i sanitari non hanno potuto far altro che constatarne il decesso, mentre il figlio adottivo 17enne è stato portato all'ospedale Vecchio Pellegrini, dove gli sono stati applicati diversi punti di sutura su polsi e palmi delle mani. Ricoverato anche il padre del ragazzo, che per lo choc era stato colto da malore: una volta assistito in ospedale, è stato poi dimesso.

I primi a intervenire per far scattare i soccorsi sono stati i poliziotti della Questura di Napoli e i colleghi del commissariato Decumani. Gli agenti hanno setacciato l'appartamento e le aree circostanti, all'interno del condominio, rinvenendo in casa anche il coltello con cui è stata uccisa la dottoressa Galeone. L'arma del delitto è stata sequestrata e il corpo di Filomena si trova nel reparto di medicina legale del Policlinico Federico II di Napoli, dove si svolgerà l'autopsia. Le indagini, ora, dovranno concentrarsi sui motivi della lite. Non si esclude il disagio psichico del 17enne, ma al momento non risulta che il ragazzo fosse sottoposto a terapie.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Giugno 2022, 13:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA