Si fa prestare la moto dall'amico, Filippo si schianta e muore a 17 anni: era un calciatore

Padova, si fa prestare la moto dall'amico: Filippo si schianta e muore a 17 anni, era un calciatore

Un ragazzo di 17 anni, Filippo Alberto Contin, è morto nella notte all'ospedale di Padova dopo aver avuto un incidente in moto. Poco prima dell’1 di venerdì 3 settembre, lungo via don Bosco a Selvazzano, il ragazzo ha perso il controllo del mezzo urtando un palo e cadendo a terra. Soccorso dal 118, inizialmente non sembrava grave ed è stato portato in ospedale ma è poi deceduto a causa di alcune lesioni interne. Il ragazzo viaggiava su una moto 125 che gli era stata prestata da un amico. Fillippo Alberto Contin era residente nel quartiere Cave di Padova, giocava a calcio negli juniores dell'Usma Caselle.

 

Si schianta con la Ducati contro il furgoncino: Mario vola nel fosso e muore

 

 

 

La ricostruzione

 

Filippo Alberto Contin, abitava con i genitori nel quartiere Cave di Padova. L'altra sera aveva preso in prestito da un amico una motocicletta 125 cc per andare a cercare il cellulare che diceva di aver perso poco lontano. Avrebbe dovuto fare il giro dell'isolato, ma quando non lo hanno visto arrivare gli amici gli sono andati incontro. Lo hanno trovato a terra dopo che era andato a sbattere da solo contro un pilone della luce. È stato dapprima soccorso dai sanitari del 118, poi arrivato in ospedale è stato sottoposto dai medici ad un lungo intervento alla milza e al fegato, ma alle 7 di venerdì mattina il ragazzo è spirato.

 

Il cordoglio della società di calcio

La società di calcio, Usma Caselle, dove giocava Filippo Alberto Contin ha espresso cordoglio attraverso i social. «Ci ritroviamo ancora una volta uniti nel lutto che ha colpito la nostra famiglia sportiva. Filippo Contin, giovane calciatore della nostra squadra Juniores, ci ha improvvisamente lasciati la notte scorsa, a soli 17 anni, per una banale caduta in moto. Residente alle Cave, giocava all'USMA da 2 anni. Siamo vicini ai suoi familiari e ai suoi compagni di squadra, che lo amavano moltissimo, per il suo carattere istrione che spesso faceva anche "dannare" gli allenatori, ma che sapeva riempire della sua presenza ogni allenamento e ogni partita. In segno di lutto e di solidarietà con i giovani compagni, la nostra Prima Squadra giocherà in Coppa, domenica, con il lutto al braccio, e indossando la divisa della squadra Juniores. #NoisiamoUSMA»


Ultimo aggiornamento: Sabato 4 Settembre 2021, 00:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA