Femminicidio nel bresciano, l'ex marito di Giuseppina Di Luca confessa: «L'ho uccisa io»

Femminicidio nel bresciano, l'ex marito di Giuseppina Di Luca confessa: «L'ho uccisa io»

Paolo Vecchia, l'uomo in carcere con l'accusa di aver ucciso l'ex moglie Giuseppina Di Luca ad Agnosine (Brescia), ha confessato il delitto.

 

Leggi anche > Donne, strage infinita: altri due femminicidi nelle ultime 24 ore. Giuseppina e Sonia uccise dagli ex

 

Giuseppina Di Luca, l'ex marito confessa l'omicidio

Il 52enne, rispondendo in carcere alle domande del gip, ha ammesso le proprie responsabilità. L'interrogatorio in carcere a Brescia davanti al gip è durato mezz'ora circa. «Ha risposto alle domande del giudice e seppur a fatica ha ricostruito quanto accaduto» spiega il suo legale, l'avvocato Roberto Lancellotti. Vecchia è accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione.

 

Giuseppina Di Luca uccisa dall'ex marito con varie coltellate

È stata colpita alla gola, al petto e al tronco Giuseppina Di Luca. Lo ha stabilito l'autopsia effettuata sul corpo della donna accoltellata a morte dal marito Paolo Vecchia che ieri mattina ad Agnosine, nel Bresciano l'ha inseguita per le scale della palazzina dove lei si era trasferita da un mese in attesa di ultimare le pratiche per la separazione. La Procura ha disposto il nullaosta per la sepoltura e la salma nelle prossime ore tornerà in Valsabbia, a Sabbio Chiese, dove sarà allestita la camera ardente. Domani mattina è previsto invece in carcere a Brescia l'interrogatorio del marito accusato di omicidio volontario aggravato e che dopo l'omicidio si è costituito ai carabinieri. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 15 Settembre 2021, 14:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA