Via libera del governo per l'App Immuni: «Privacy rispettata. I dati saranno distrutti entro fine anno»
di Simone Pierini

Via libera del governo per l'App Immuni: «Privacy rispettata. I dati saranno distrutti entro fine anno»

La geolocalizzazione è esclusa. Parte da questa premesse la regolamentazione dell'app Immuni. Quindi niente gps e nessun tracciamento dall'alto. I dati verranno cancellati da tutti i server a fine epidemia o non più tardi del 31 dicembre, così come la piattaforma istituita presso il ministero della Salute in coordinamento con la Protezione civile, l'Iss e le strutture sanitarie pubbliche e private «per gli ulteriori adempimenti necessari al tracciamento dei contatti e per l'adozione di correlate misure di sanità pubblica e di cura».

Il mancato utilizzo dell'app «non comporta alcuna limitazione o conseguenza in ordine all'esercizio dei diritti fondamentali dei soggetti interessati ed è assicurato il rispetto del principio di parità di trattamento». In sostanza, il decreto legge approvato dal consiglio ieri notte garantisce privacy ed esclude qualsiasi imposizione a chi volesse ribellarsi all'utilizzo. «Servirà? Non servirà? Non è mio compito dirlo - sostiene il commissario Domenico Arcuri -, io ho il compito di implementarla e di renderla compatibile con le norme su sicurezza e privacy».

Verrà utilizzato «un server pubblico e italiano - precisa il commissario - e questo è garantito, che rispetti la privacy secondo le leggi italiane ed europee, poi che serva ad accorciare se non ad azzerare il tempo tra il contagio e il tracciamento del caso, che ora ci mette un certo tempo». Il sistema sarà finalizzato a rilevare i contatti «stretti» tra coloro che hanno installato la app «su base volontaria» posto che i dati dovranno essere resi «anonimi» o se non è possibile «pseudonomizzati».

Dove saranno custoditi? Saranno conservati «anche nei dispositivi mobili degli utenti, per il periodo strettamente necessario al trattamento». Il sistema di tracciamento - ha precisato la ministra dell'Innovazione Paola Pisano - dovrà tenere in considerazione «l'evoluzione di sistemi internazionali oggi ancora non completamente definiti, in particolare i modelli annunciati da Apple e Google, su cui la soluzione italiana si baserà». Gli stessi scelti dalla Germania preferendo quindi un approccio decentralizzato che sembra offrire più garanzie dal punto di vista della privacy e anche della semplificazione del lavoro degli sviluppatori. Le applicazioni di tracciamento dei contatti - ha aggiunto la ministra - possono funzionare anche con un'adesione sotto il 60%, «già al 25-30% hanno giù una buona resa».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 30 Aprile 2020, 10:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA