Fase 2, l'allarme dei parroci: «Basta messe in streaming o i fedeli non torneranno più in chiesa»

Fase 2, l'allarme dei parroci: «Basta messe in streaming o i fedeli non torneranno più in chiesa»

Nella fase 2 si può tornare a messa, ma i fedeli sono ancora preoccupati: per questo i parroci, in occasione della seduta della Commissione presbiterale italiana (Cpi) - organismo Cei che rappresenta i preti italiani delle varie regioni ecclesiastiche - hanno voluto dar voce alle preoccupazioni puntando il dito contro le messe in streaming, che «vanno sospese o i fedeli faranno ancora più fatica a tornare in chiesa». Ne ha parlato all'agenzia Adnkronos don Federico Badiali, segretario dell'assemblea dei sessanta parroci del Paese che compongono la Commissione. «La maggior parte dei parroci - racconta don Badiali - lamentano come il ritorno dei fedeli a  messa sia ancora lentissimo».

Leggi anche > Coronavirus, nel Lazio 11 nuovi positivi di cui 5 a Roma. Trend ancora in calo

A 'distogliere' i fedeli, oltre alla preoccupazione legata alla contingenza con il Covid, sarebbero le messe via streaming che continuano ad esserci soprattutto per anziani e per le persone più a rischio di eventuali contagi da coronavirus. «La possibilità di celebrare tramite streaming - riflette don Badiali riferendo le lamentele dei parroci- ha mantenuto il contatto tra parroci e parrocchiani nella fase 1 dell'emergenza però in questo momento tutti hanno detto che bisognerebbe sospendere lo streaming perché non si fa capire ai fedeli che è tempo di tornare alla celebrazione ordinaria».

Leggi anche > Recovery Fund da 750 miliardi, all'Italia la quota più alta

Non che le messe via streaming siano state superflue nel momento più drammatico. Anzi, come ricorda don Federico Badiali, «sono state una benedizione nell'emergenza. Tutti hanno apprezzato la messa a Santa Marta del Papa; nella fase 1, la messa da remoto per tantissimi fedeli ha segnato il passaggio da una religiosità di tradizione ad una esperienza di fede personale, nel senso che la domenica si avvertiva l'esigenza di vivere un tempo della speranza nel dramma che si stava vivendo. Però ci sono tante cose che non vanno con queste messe da remoto. Da qui la condivisione sulla opportunità di interrompere le messe in streaming».

I parroci del Paese hanno manifestato disagio anche per la sanificazione delle chiese al termine di ogni messa per l'impatto sui fedeli: «Nonostante il ritorno faticoso in chiesa dei fedeli  - spiega don Federico Badiali - anche i processi di sanificazione previsti dal Protocollo spesso anziché dare sicurezza ai fedeli provocano terrore  perché evocativo di aspetti più clinici che liturgici». I parroci, al di là dei disagi legati alla situazione, ce la stanno mettendo tutta.  «Qualcuno - ricorda don Badiali - ha aumentato il numero di messe e c'è chi ha creato messe ad hoc per i giovani. Come accade a Rossano. Per non parlare del mondo del volontariato, attivissimo. In questi giorni abbiamo capito che partecipare all'eucarestia domenicale non è semplicemente adempiere un precetto. E tutta la nostra la nostra vita». 

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 27 Maggio 2020, 21:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA