Fabrizio Corona, i giudici: «Contro di noi attacchi violenti»

Fabrizio Corona, i giudici: «Contro di noi attacchi violenti»

«Una recente decisione del Tribunale di Sorveglianza di Milano è stata e continua a essere oggetto di attenzione mediatica dai toni a tratti violenti e personalistici». Lo scrive il presidente della Sorveglianza di Milano Giovanna Di Rosa in relazione - anche se non ci sono riferimenti espliciti nella nota - al provvedimento che l'11 marzo scorso ha revocato il differimento pena in detenzione domiciliare facendo tornare in carcere Fabrizio Corona.

 

Leggi anche > Fabrizio Corona, la confessione dal carcere di Monza: «Mi manca la semplicità della vita. Sono molto stanco»

 

Decisione che è stata duramente contestata sia dall'ex agente fotografico, che si è ferito ed è anche finito in ospedale in psichiatria per oltre 10 giorni, sia dalla sua difesa e in particolare dall'avvocato Ivano Chiesa. «Pur nella consapevolezza che le decisioni giudiziarie sono oggetto di legittima critica - scrive Di Rosa - questa non deve negare il dovuto rispetto alle persone e alla funzione giudiziaria che esercitano, tenuto conto dell'esistenza anche di appositi mezzi di impugnazione quali sedi proprie per la discussione del merito delle decisioni».


Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Marzo 2021, 08:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA