Etna, sciame sismico dopo la nuova eruzione. A Catania voli cancellati per la cenere sulla pista

Video

Nuova eruzione dell'Etna in corso da ieri sera, con uno sciame sismico successivo chiaramente avvertito dalla popolazione. La cenere lavica sulla pista ha anche costretto a ritardi e cancellazioni di voli all'aeroporto di Catania.

 

Leggi anche > Esplosivi e martello pneumatico: così i pescatori di datteri distruggono i Faraglioni di Capri

 

Etna, la nuova eruzione

L'Etna non si placa e continua a dare spettacolo: lo ha fatto, per la sedicesima volta dal 16 febbraio scorso, con un'intensa e prolungata attività parossistica cominciata dopo le 23 di ieri dal cratere di Sud-Est con fontana di lava, trabocchi lavici e l'emissione di una nube eruttiva alta circa 6 chilometri. La cenere, sospinta dal vento, è caduta in direzione Sud-Sud-Est e anche a Catania provocando la chiusura di un settore dello spazio aereo e della pista dell'aeroporto perché contaminata. Nello scalo è in corso l'attività di pulizia e bonifica. Da bocche del vulcano emergono due colate: una ben alimentata in direzione Valle del Bove che ha raggiunto una quota tra i 1.900 e 1.800 m circa, ed un'altra meno alimentata in direzione sud che si attesta in area sommitale. Dalle osservazioni dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo emerge che continua l'attività esplosiva al Cratere di Sud Est. A partire dalle 3:30 l'ampiezza media del tremore vulcanico è in decremento, pur mantenendosi ancora su valori alti. Numero e ampiezza degli eventi infrasonici rimangono elevati. Permangono le deboli variazioni osservabili sui segnali delle stazioni tilt. Nessuna variazione significativa rilevabile dalla rete Gnss.

 

Etna, danni alle coltivazioni

Sale il conto dei danni nelle campagne dopo oltre un mese di eruzioni dell'Etna che hanno riversato cenere e lapilli nelle campagne. «Danneggiati vivai di piante e fiori, ortaggi così come gli agrumi graffiati dalla potenza della sabbia - dice la Coldiretti dopo la nuova eruzione con lava e cenere dal cratere di Sud-Est -. Nelle campagne è calamità con danni spesso irreparabili alle coltivazioni ai quali si aggiungono i disagi per chi è costretto alla pulizia straordinaria delle canalette di scolo o alla pulizia delle strade rurali». «In molte zone la terra è stata sommersa da una coltre nera - aggiunge. Per pulire le strutture e le coltivazioni serve tempo, acqua e l'impiego massiccio di manodopera. Siamo di fronte a dei cambiamenti anche del vulcano e, quindi, bisogna avviare anche un nuovo sistema di interventi che salvaguardi anche gli imprenditori agricoli con norme celeri e ad hoc».

 

Etna, sciame sismico avvertito dalla popolazione

Scosse di terremoto nell'area dell'Etna, interessata da ieri sera dal sedicesimo evento parossistico dal 16 febbraio scorso. Alle 9.26 scossa di magnitudo 2.3 a Santa Venerina, a una profondità di 8 chilometri mentre ieri sera, intorno alle 21, scossa di magnitudo 2 a Zafferana Etnea, a una profondità di 11 chilometri.

 

Etna, voli cancellati a Catania

Quattro voli dirottati e due cancellati, tra arrivi e partenze. È il primo bilancio della copiosa caduta di cenere lavica a Catania che ha coinvolto anche l'aeroporto internazionale Vincenzo Bellini. La pista dello scalo dalla notte scorsa è stata chiusa per consentire alla Sac, la società che gestisce i servizi, la sua pulizia e la necessaria bonifica per garantire la sicurezza in atterraggio e decollo degli aerei. Operazione ancora in corso. Al momento sono stati cancellati due voli della Lufthansa, il Francoforte-Catania e Catania-Francoforte, e dirottati a Comiso altri quattro dell'Alitalia: in arrivo e partenza da Milano Linate e da Roma Fiumicino. Il dato emerge consultando il sito della Sac www.aeroporto.catania.it. Nuovi aggiornamenti seguiranno, dopo la riunione dell'Unità di crisi della Società aeroporti Catania. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 24 Marzo 2021, 14:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA