Esplosione in casa: un morto e un ferito gravissimo. Maneggiavano un ordigno bellico

Esplosione in casa: un morto e un ferito gravissimo. Maneggiavano un ordigno bellico

di Redazione web

Una persona è morta e un'altra è rimasta gravemente ferita nell'esplosione di un ordigno bellico in una casa di San Stino di Livenza, nel Veneziano. La vittima si chiamava Mauro Paladin. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i vigili del fuoco arrivati da San Donà e Motta di Livenza. I pompieri sono entrati all'interno dell'abitazione portando all'esterno il ferito. Un altro uomo, a terra, è stato dichiarato morto dal medico del Suem. Il ferito è stato stabilizzato e trasferito in ospedale. L'esplosione è stata probabilmente causata dal disinnesco artigianale di un ordigno bellico.

La persona deceduta nell'esplosione di un ordigno bellico in una casa di San Stino di Livenza, nel Veneziano, è Mauro Paladin, morto a causa della deflagrazione nella sua stessa abitazione. L'uomo, secondo le prime ipotesi investigative, era un collezionista di residuati bellici della Grande Guerra. Nell'abitazione, infatti, sono stati trovati altri ordigni simili a quello esploso. Per questo i vigili del fuoco hanno provveduto ad allontanare i vicini prima di far intervenire gli artificieri dei Carabinieri per disinnescare le altre bombe presenti nei locali.

La dinamica

Poco prima delle 17:30 i vigili del fuoco sono intervenuti in via Trentin a San Stino di Livenza per l'esplosione. I pompieri arrivati da San Donà e Motta di Livenza sono entrati all'interno dell'abitazione portando all'esterno il ferito. Un altro uomo, a terra, è stato  dichiarato morto dal  medico del SUEM. 

I vigili del fuoco hanno circoscritto l’abitazione in attesa degli artificieri dei carabinieri per la bonifica dell’abitazione per la presenza di altri ordigni. 


Ultimo aggiornamento: Sabato 27 Agosto 2022, 22:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA