Esplosione a Bologna, la sequenza dell'incidente: l'autocisterna tampona il tir ed è l'inferno: Aperta inchiesta per disastro colposo

La procura di Bologna ha aperto un'inchiesta per disastro colposo a carico di ignoti per accertare la dinamica dell'incidente di ieri in tangenziale che ha provocato un morto e 100 feriti. All'origine del sinistro, con ogni probabilità, un tamponamento multiplo, con conseguente incendio, da parte di un mezzo che trasportava una cisterna con materiale infiammabile, molto probabilmente Gpl. 

Andrea Anzolin morto nell'esplosione a Bologna: era l'autista dell'autocisterna
Esplosione Bologna, riperta carreggiata della A14: la viabilità




In un orrendo effetto domino, i mezzi si sono incendiati e, dopo alcuni minuti, è esplosa la cisterna. La deflagrazione ha fatto crollare buona parte del ponte dell'A14, dividendo in due l'Italia e scavando in tangenziale un enorme cratere. La viabilità, in quel punto, è sospesa e Autostrade e la prefettura hanno già comunicato percorsi alternativi per chi si trova a dover passare nel nodo di Bologna. L'onda d'urto ha raggiunto negozi, ristoranti e case in tutta la zona, provocando un centinaio di feriti. Decine di residenti sono stati evacuati e hanno passato la notte fuori casa. Procede agli accertamenti e ai rilievi la polizia stradale di Bologna d'intesa con la Procura competente.

Lunedì 6 Agosto 2018, 18:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA