L'epidemiologo Bonanni: «Seconda ondata e nuovo lockdown in autunno? Ecco come fare per evitarlo»

L'epidemiologo Bonanni: «Seconda ondata e nuovo lockdown in autunno? Ecco come fare per evitarlo»

L'epidemiologo Paolo Bonanni, esperto di Sanità Pubblica e professore ordinario di Igiene all'Università di Firenze, in un'intervista al Corriere della Sera ha parlato del rischio di una seconda ondata in autunno e dell'eventualità di un secondo lockdown dopo una recrudescenza di nuove infezioni: «Bisogna capire quanto crescono i casi», ha detto Bonanni. «Se siamo capaci di contenerli là dove si manifestano, non sarà necessario bloccare di nuovo tutte le attività con un lockdown generalizzato. È cruciale valutare la velocità con cui i focolai si diffonderanno».

Leggi anche > Come sta Alex Zanardi: alle 18 il nuovo bollettino medico

«Mi viene in mente la Liguria, dove ci sono stati pochi giorni fa 14 casi di cui 12 in una casa di riposo. Se succede questo, se si identificano precocemente i contatti stretti e si è in grado di fare il tracciamento dei soggetti che provengono tutti dallo stesso luogo, probabilmente saremo capaci di contenere il contagio con il solo isolamento di alcune zone». Negli Usa la crescita è così rapida che sembrano inevitabili nuove restrizioni. «Se l'espansione diventa esponenziale, come è stato in Italia a marzo, si supera la capacità di contenimento. Non si riescono a tracciare i contatti: diventa un lavoro enorme, ma ogni dato sul numero dei nuovi casi giornalieri va calibrato su ciascun Paese e sulla relativa capacità di tracciamento in base alla dimensione della popolazione».

Leggi anche > Milano, lite choc in un condominio: 68enne ucciso a coltellate

Come bisogna prepararsi per scongiurare il peggio? «Sarebbe necessario - precisa Bonanni - ci fossero tracciatori di contatti diffusi in modo capillare sul territorio. La app "Immuni" è stata scaricata da poche persone e comunque non sarebbe bastata da sola, serve anche una forza lavoro umana. Non necessariamente devono essere medici specialisti in igiene, possono essere gli assistenti sanitari (che sono deputati a farlo per competenza professionale), ma anche semplici studenti di medicina degli ultimi anni opportunamente formati». Lo stiamo facendo? «Dal mio osservatorio non posso dirlo con certezza per tutte le Regioni, che devono organizzarsi senza eccezioni per avere i tracciatori in caso di necessità. A marzo non eravamo pronti. Il momento di attrezzarsi in questo senso è adesso». 

Nel caso i nuovi positivi aumentassero in modo preoccupante, saremo costretti a chiudere? «Non credo ci troveremo nella stessa situazione di marzo. Bisogna fare piccole zone rosse circoscritte: meglio piccoli blocchi locali rispetto a un blocco generalizzato. Per una volta cerchiamo di investire in prevenzione in Italia e dotiamoci delle forze umane necessarie per tempo». 

Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Giugno 2020, 10:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA