Enzo Galli, l'ultimo messaggio alla moglie prima di morire: «Mi intubano, da domani non parleremo più»
di Ida Di Grazia

Enzo Galli, l'ultimo messaggio alla moglie prima di morire: «Mi intubano, da domani non parleremo più»

Enzo Galli, l'ultimo messaggio alla moglie prima di morire: «Mi intubano, da domani non parleremo più». L'uomo, morto ieri all'ospedale di Careggi, a fine aprile era rimasto bloccato in India dove si era recato, insieme alla donna, per adottare una bambina. Tornò positivo al Covid e dal 9 maggio è stato sempre ricoverato.

 

Leggi anche > Covid: Contagiato in India per adottare una bimba, Enzo Galli muore dopo tre mesi

 

 

«Mi intubano, ora ti saluto. Amore da domani non parleremo più. Mi affido totalmente alla volontà di Dio e alle decisioni che prenderete. Vi amo tanto. Stai sicura che Dio è più grande». È l'ultimo messaggio che Enzo Galli, ha inviato alla moglie Simonetta Filippi lo scorso il 29 maggio prima che lo intubassero.

Il 45enne è morto ieri all'ospedale di Careggi, dove era ricoverato dallo scorso 8 maggio a seguito della positività al Covid. «Né noi, né i medici ci aspettavamo quello che è accaduto. I medici - ha raccontato la moglie di Galli Simonetta Filippi - sono stati meravigliosi, sia sul piano professionale che umano. Hanno provato fino all'ultimo secondo».

La coppia, a fine aprile era rimasta bloccata una decina di giorni in India dove si era recata per adottare una bambina, quando a maggio sono riusciti a rientrare in Italia grazie a un volo sanitario sono risultati entrambi positivi. La situazione di Galli però è apparsa subito grave. Secondo il racconto della donna Galli è rimasto positivo dall'8 maggio «fino a due settimane fa» quando si è negativizzato ma ormai il suo organismo era stato troppo colpito dalla malattia e non ce l'ha fatta.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Agosto 2021, 20:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA