Vaccinata con entrambe le dosi ma senza il Green pass: l'incubo della prof

Vaccinata con entrambe le dosi ma senza il Green pass: l'incubo della prof

La donna ha ricevuto le due dosi in Scozia, dove ha vissuto per 20 anni, ma in Italia le autorità sanitarie non riconoscono a convertire i suoi dati

Ha ricevuto tutte e due le dosi di vaccino anti covid, ma il suo Green pass non arriva. È l'incubo vissuto da un'insegnante di Empoli. La prima e seconda dose di AstraZeneca le ha ricevute in Scozia, ma in Italia la sua vaccinazione non risulta e, dunque, non riesce ad ottenere il Green Pass.

 

Leggi anche > Vaccino, il premio Nobel Parisi fa la terza dose: «È fondamentale»

 

L'assurda storia vissuta da Lorella Sostegni, 58enne, insegnante di Empoli non sembra avere soluzione. La donna ha vissuto per 20 anni in Gran Bretagna e, a fine giugno, è rientrata in Italia con la sua certificazione, convinta di potersela vedere riconosciuta anche dalle autorità sanitarie italiane. Ma, ad oggi, ancora niente

 

Nell'intervista al quotidiano La Nazione ha dichiarato: «Il richiamo in Scozia l’ho fatto lo scorso 2 giugno. In quell’occasione mi è stata rilasciata la certificazione vaccinale. Lì non c’è il concetto di green pass come lo intendiamo noi. Quando sono rientrata in Italia, mi sono subito informata per avere l’equipollenza, ovvero il Qr code. Mi è stato detto di rivolgermi alla Asl locale dove avrebbero inserito tutti i miei dati per la generazione del green pass. Così ho fatto, rivolgendomi al distretto di Rozzalupi, dove mi è stato consegnato un modulo che attestava l’esito positivo dell’inserimento. Dopo giorni senza alcuna risultanza sono andata in farmacia per chiedere, con la tessera sanitaria, se fosse stato generato il mio Qr code. Non risultava nulla. Nel mio libretto non compariva alcuna vaccinazione anti Covid».

 

Ieri, disperata, si è rivolta al camper vaccinale in sosta al Terrafino. «Il mio ex medico di famiglia era lì nel ruolo di vaccinatore e gli ho chiesto aiuto. Il personale della Asl ha inserito manualmente le mie vaccinazioni. In pratica – spiega la donna – hanno aggiornato il mio libretto vaccinale con una procedura diversa da quella indicata dal ministero. Adesso almeno – dice la signora – risulta che mi sono vaccinata. Spero che nei prossimi giorni arrivi anche la certificazione verde, che penso proprio di meritare non solo per tutta la trafila che ho dovuto fare, ma anche perché sono tra quelle persone che si sono vaccinate con Astrazeneca quando era sospeso».


Ultimo aggiornamento: Sabato 16 Ottobre 2021, 23:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA