«Elena uccisa dalla mamma per gelosia, non voleva si affezionasse alla nuova compagna del papà»

Video

Emerge una prima ipotesi sul movente dell'omicidio di Elena Del Pozzo, la bambina di cinque anni trovata morta nel catanese dopo che la mamma Martina Patti aveva denunciato un rapimento: successivamente è stata la stessa mamma, una ragazza di 23 anni, a confessarne l'omicidio. 

 

Elena Del Pozzo, la mamma l'ha uccisa con un coltello e ha nascosto il corpo

Secondo quanto afferma la Procura di Catania, il movente potrebbe essere la gelosia: Elena potrebbe essere stata uccisa dalla mamma «per via di una forma di gelosia nei confronti dell'attuale compagna dell'ex convivente» in quanto non tollerava che alla donna «vi si affezionasse anche la propria figlia». «Il movente non è stato chiarito dalla madre. Siamo in una fase dove manca il contraddittorio tra le parti e e potrebbero emergere aspetti ulteriori. Siamo ancora in fase di approfondimento investigativo», specifica poi il comandante dei carabinieri Rino Coppola, in conferenza stampa.

Elena Del Pozzo, chi è la mamma Martina Patti: casalinga 24enne, si era separata da poco

I carabinieri: quadro di famiglia infelice

Quello che è emerso dalle indagini è un «quadro di una famiglia non felice, in cui la gioia della figlia non ha compattato la coppia», ha aggiunto il comandante del reparto operativo dei Carabinieri di Catania, il colonnello Piercarmine Sica, in conferenza stampa escludendo che vi sia «il coinvolgimento di altri» nell'omicidio. Il movente, ha confermato l'ufficiale, «può essere la gelosia nei confronti della nuova compagna dell'ex convivente ma anche per l'affetto che Elena mostrava nei confronti della donna». Su questo però Martina Patti «non ha detto nulla. È rimasta sul vago, come se non si fosse resa conto di quello che ha fatto. È come se avesse detto 'l'ho fatto ma non so perché'».

Elena, la nonna paterna: «Sua madre accusava mio figlio di essere la causa del rapimento»

La situazione familiare è emersa dalle testimonianze raccolte per tutta la notte dagli investigatori, a partire da quella delle stessa Martina Patti e dell'ex compagno Alessandro Del Pozzo. È emerso, dice la Procura, «un triste quadro familiare costituito da due ex conviventi che, a prescindere dalla gestione apparentemente serena della figlia Elena, avevano allacciato nuovi legami e non apparivano rispettosi l'un l'altro». Per tutta la notte, però, la mamma di Elena ha continuato a raccontare la sua versione - e per questo gli è stato contestato anche il reato di false informazioni al pubblico ministero - e solo nella tarda mattinata ha ceduto, quando i Carabinieri «si apprestavano ad effettuare i rilievi nell'abitazione» dove Martina ed Elena vivevano. A quel punto ha confessato. 

Elena Del Pozzo, lo straziante dolore dei nonni: «La mamma aveva un atteggiamento autoritario»

Ipotesi rapimento smentita dalle telecamere

L'ipotesi che la piccola Elena fosse stata rapita da un gruppo di uomini incappucciati, come denunciato dalla madre nel pomeriggio di ieri, è stata smentita dalle telecamere di sorveglianza, «nonostante una strenua difesa ad oltranza della propria versione» da parte della donna, afferma la procura di Catania sottolineando che «le prime risultanze investigative hanno consentito di accertare la mancata corrispondenza al vero del fatto denunciato, attesa l'assenza di gruppi 'armati' in via Piave nelle fasce orarie indicate».

Elena Del Pozzo, la zia accusa la mamma: «Voleva incastrare mio fratello»

Secondo il racconto della donna, il rapimento della figlia sarebbe stato «una conseguenza del comportamento dell'ex compagno, per non aver ascoltato precedenti messaggi minatori fattigli recapitare presso la propria abitazione in ragione del tentativo posto in essere di individuare il reale complice di una rapina ai danni di una gioielleria di Catania al posto del quale venne arrestato» il 15 ottobre del 2020 e «successivamente assolto nel settembre 2021 per non aver commesso il fatto».

 

La bambina uccisa con un coltello da cucina

Martina avrebbe raccontato a investigatori e inquinrenti di aver colpito più volte la figlia con un coltello da cucina per poi mettere il corpicino in dei sacchi neri, prima di nasconderlo sotto terra. La donna, sottolinea la procura, ha anche precisato di aver «portato a termine l'orrendo crimine in maniera solitaria». Sul corpo della bambina, un primo esame medico legale «ha evidenziato molteplici ferite da armi da punta e taglio alla regione cervicale e intrascapolare».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 15 Giugno 2022, 11:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA