Mariolina, 65 anni, non si risveglia più dopo l'intervento estetico al seno: medico condannato per dose eccessiva di anestetico

Mariolina Vargiu è morta nel 2021, dopo 5 anni di allettamento in seguito alla perdita di conoscenza provocata da una dose eccessivo di anestetico usato durante l'operazione al seno

Una donna non si risveglia più dopo l'intervento estetico al seno: medico condannato per dose eccessiva di anestetico

di Redazione web

Non si è più risvegliata dall'anestesia. In seguito ad un intervento estetico al seno, Mariolina Vargiu, 65 anni, al termine dell'operazione ha perso del tutto conoscenza, costretta a non risvegliarsi per la dose eccessiva di farmaco anestetico che le sarebbe stato somministrato durante l'operazione. Il medico 68enne, titolare e direttore sanitario di una clinica estetica in provincia di Treviso, è stato condannato per lesioni colpose ad un anno e due mesi di carcere, con la sospensione condizionale della pena.

Francesca Guacci e l'operazione a 23 anni per non avere figli: «I medici mi davano della prostituta, ma sono la donna che volevo essere»

Intervento sbagliato

I fatti risalgono al 2016, quando la donna è entrata in clinica in day surgery, per un intervento estetico al seno, operazione ritenuta di routine per un chirurgo estetico. Finita l'operazione, la paziente è rimasta vittima di una sindrome da allettamento, allora i carabinieri del Nas di Treviso hanno svolto un'accurata indagine sull'accaduto, scoprendo che alla donna sarebbe stata somministrata un'elevata dose di anestetico, tanto da indurla a non risvegliarsi.

Maltempo, nubifragi in settimana: pioggia abbondante e neve sulle Alpi sotto i 1500 metri

 

Inchiesta sulla morte

La Procura di Treviso aprì subito un fascicolo di reato nei confronti del chirurgo e dell'anestesista, le cui posizioni, dopo il decesso della donna, avvenuto cinque anni dopo l'intervento, si sono aggravate e per entrambi il reato contestato è diventato omicidio colposo.

Infatti, secondo l'accusa, i soccorsi furono chiamati in ritardo e quando la donna venne portata d'urgenza in ospedale, ormai era in uno stato di coma profondo, a causa dei danni cerebrali subiti, che la costrinsero a vivere allettat il resto dei suoi giorni. Oltre alla causa penale, la famiglia di Mariolina ha chiesto un risarcimento economico di 1 milione e 400 mila euro.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16 Novembre 2022, 14:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA