Donna fatta a pezzi, mistero a Brescia: la «mappa dei tatuaggi» per riuscire a identificarla

Donna fatta a pezzi, mistero a Brescia: la «mappa dei tatuaggi» per riuscire a identificarla

Dall'autopsia emergono i primi dettagli: si tratta di una donna alta 1,60 per 50-55 kg, capelli scuri, unghie curate e decorate e diversi tatuaggi

Identificare il cadavere femminile fatto a pezzi e ritrovato in quattro sacchi dell'immondizia a Borno (Brescia) non sarà affatto facile. Dall'autopsia, ancora in corso all’Istituto di Medicina Legale di Brescia, arrivano però elementi preziosi. Una risposta potrebbe arrivare dai tanti tatuaggi che la donna aveva sul corpo.

 

Leggi anche > Uccide i due figli di 13 e 7 anni a coltellate e poi si toglie la vita. È stata la mamma a scoprire i corpi

 

Il medico legale ha già potuto accertare che la donna era alta un metro e 60 centimetri, per un peso di circa 50-55 chilogrammi, aveva i capelli scuri e le unghie delle mani e dei piedi particolarmente curati. Lo conferma la presenza di uno smalto di colore viola con glitter argentati.

 

Nonostante il corpo fosse stato fatto a pezzi, nel corso dell'autopsia è stato possibile riscontrare un notevole numero di tatuaggi. Quelli finora accertati sono questi:
1. “step by step” sulla caviglia destra;
2. “wanderlust” sulla clavicola destra;
3. “elegance is the“ sulla schiena lato destro;
4. porzione di disegno sul gomito sinistro;
5. “be brave” sul gomito sinistro;
6. “fly” sul polso destro;
7. “V” rovesciata sulla coscia destra;
8. “VV” rovesciate sulla coscia sinistra;
9. “te” sul dorso della mano sinistra;
10. Tracce tatuaggi sulle dita della mano destra;
11. Disegno “maculato” sul gluteo destro.

 

Per gli inquirenti, la donna potrebbe aver avuto anche altri tatuaggi, che però con il corpo fatto a pezzi non è stato possibile individuare. I carabinieri hanno diffuso queste informazioni nella speranza che possano rivelarsi utili all'identificazione della vittima, sia tra i conoscenti, sia tra i tatuatori e le estetiste di cui era stata cliente.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Marzo 2022, 18:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA