Uomo trovato morto, giallo a Lecce: era incappucciato, legato a un tavolo e con i pantaloni abbassati

Uomo trovato morto, giallo a Lecce: era incappucciato, legato a un tavolo e con i pantaloni abbassati

Trovato morto in casa, incappucciato e legato a un tavolo. È un vero giallo quello di Donato Montinaro, 75 anni, trovato senza vita stamattina poco prima delle 8 nella sua abitazione a Castrì, in provincia di Lecce: l'uomo sarebbe stato assassinato, secondo quanto emerge dagli inquirenti. All'interno della casa non sono stati rilevati segni di effrazione: l'uomo era un ex falegname in pensione molto conosciuto in paese. 

Lite tra vicini finisce nel sangue: morti un anziano di 85 anni e due coniugi sessantenni

Nella villetta Montinaro viveva con la 48enne figlia disabile, che veniva accudita da una badante. Stamani è stata proprio la donna, quando è entrata nell'abitazione, a scoprire il cadavere dell'anziano padre: la vittima aveva ferite da arma da taglio e quasi sicuramente si tratta di omicidio. Le ferite da arma da taglio sono state riscontrate in particolare sul viso dell'anziano. Le indagini sono coordinate dalla pm di Lecce Maria Consolata Moschettini. 

 

L'uomo - legato alla parte bassa di un tavolo - aveva mani e piedi bloccati da fascette da elettricista e le gambe immobilizzate da nastro da imballaggio. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori dei Carabinieri, l'uomo - trovato con i pantaloni abbassati e un pannolone (pare non usato per necessità) - aveva precedenti penali per violenza sessuale, furto e lesioni personali. Al vaglio degli investigatori anche le immagini registrate da alcuni sistemi di videosorveglianza presenti nella zona.


Ultimo aggiornamento: Domenica 12 Giugno 2022, 12:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA