Il piccolo Domenico, morto a 4 anni per un batterio. L'ospedale: «Arrivato in condizioni disperate»

La mamma chiede giustizia e verità, Lampedusa si stringe intorno al suo dolore

Il piccolo Domenico, morto a 4 anni per un batterio. L'ospedale: «Arrivato in condizioni disperate»

Domenico Bandieramonte, dopo il dramma la famiglia attende delle risposte. Il bambino, quattro anni, è morto la notte scorsa all'ospedale San Vincenzo di Taormina (Messina) dopo essere stato colpito da un'infezione causata da un batterio. Ora andrà capito cosa è accaduto al piccolo, ma intanto arriva una precisazione dall'Asp di Messina.

Leggi anche > Morto Domenico Bandieramonte, il bambino di 4 anni in coma per un batterio. La denuncia della madre: «Lo hanno ucciso»

Domenico Bandieramonte «arrivato in ospedale in condizioni gravissime»

L'Azienda sanitaria provinciale di Messina ha fatto sapere che, lo scorso 7 luglio, il piccolo Domenico era stato ricoverato al San Vincenzo di Taormina quando le sue condizioni cliniche erano già gravissime. «Il piccolo paziente è stato ricoverato presso il reparto di Terapia intensa Cardiochirurgica, è stato sottoposto a cure intensive (tra cui Ecmo), ma il disperato quadro clinico non ha lasciato margine ad alcun miglioramento clinico» - spiega l'Asp di Messina - «Pertanto, a seguito di accurati esami diagnostici e di una lunga procedura di accertamento di morte encefalica, ne è stato costatato il decesso. Tutto il personale medico e paramedico e la Direzione dell'Asp Messina si stringe al dolore dei familiari».

 

La mamma di Domenico: «Cosa gli hanno fatto?»

«Mio figlio aveva vomito, un virus intestinale, come tanti altri bambini. Ma ora voglio sapere perché è entrato in ospedale sui suoi piedi e me lo hanno fatto uscire in un sacco blu, in fin di vita». Questo l'appello, pieno di dolore, di Ambra Cucina, la mamma del piccolo Domenico Bandieramonte. La donna spiega che il figlio era stato visitato all'ospedale Garibaldi di Catania ed era stata poi dimesso. Stesso copione pochi giorni dopo: per i medici, secondo l'accusa della mamma, il bambino stava bene ed era stato dimesso. Quando le condizioni del piccolo non erano migliorate, la famiglia aveva portato Domenico al San Marco, sempre a Catania. 

«Ci tengono quattro ore e mezzo su una sedia con Domenico che stava male. Poi ci mettono in osservazione, fanno le analisi del sangue e dicono che aveva il glucosio e il sodio basso. Restiamo tutta la notte. L'indomani gli mettono un sondino dal naso e il bambino inizia a stare male» - la denuncia della mamma di Domenico - «Poi lo hanno trasferito al Policlinico. Iniziano a fargli i martiri, gli calano di nuovo il sondino nel naso, ma Domenico stava troppo male. Dopo sette ore trascorse così lo trasportano dentro un sacco blu in codice rosso e in fin di vita a Messina».
Mamma Ambra non poteva saperlo, ma il figlio aveva avuto un arresto cardiaco, causato da un'infezione da Enterococco, un batterio che aveva infettato tutti gli organi. A quel punto, Domenico era stato trasferito a Taormina, dove i medici erano riusciti a salvare gli organi ma nulla avrebbero potuto di fronte ad un edema cerebrale.

Lampedusa in lutto

Il piccolo Domenico Bandieramonte viveva a Lampedusa. L'intera comunità isolana è in lutto e si stringe intorno al dolore dei genitori. «La comunità tutta di Lampedusa si stringe al dolore della famiglia per la morte del piccolo Domenico ed è invitata a partecipare alla fiaccolata silenziosa che si terrà in sua memoria domani venerdì alle 20.30 partendo da Piazza Castello per arrivare in Chiesa» - ha spiegato Filippo Mannino, sindaco di Lampedusa e Linosa - «L’amministrazione comunale unitamente ai sacerdoti alla fine daranno un messaggio. Così daremo il nostro arrivederci in Dio a Domenico piccolo grande eroe, figlio anche della nostra Lampedusa».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 14 Luglio 2022, 18:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA