Disabili torturati, le dure parole di Eleonora Daniele a Storie Italiane: «Io so che significa»

La conduttrice esprime solidarietà alle famiglie delle vittime di violenze e nel descrivere quello che accadeva nella casa di cura si indigna profondamente

Disabili torturati, le dure parole di Eleonora Daniele a Storie Italiane: «Io so che significa»

Eleonora Daniele a Storie Italiane parla della terribile storia di abusi ai danni di alcuni disabili in una casa di cura a Palermo. I militari della Guardia di Finanza del comando provinciale hanno scoperto gravissimi episodi di maltrattamenti nella casa di cura 'Suor Rosina La Grua' di Castelbuono e nel corso del programma la conduttrice manda in onda le intercettazioni choc.

Leggi anche > Disabili torturati nella casa di cura lager. «Nelle intercettazioni choc le urla dei pazienti»

Eleonora apre la puntata riportando una sua esperinza personale: «Io so che significa essere familiare di un disabile all'interno di un istituto e queste intercettazioni fanno malissimo. Il fatto che gli operatori, protetti dall'amministrazione, abbiano fatto ciò e siano andati avanti per anni è tremendo. Io vorrei vedere in carcere queste persone e vorrei che qualcuno potesse restituite a quelle persone malate la serenità che gli è stata tolta».

Poi riporta quello che è emerso dalle indagini: «I disabili erano picchiati nelle stanze relax, ovvero in stanze in cui si sarebbero dovuti rilassare. Il personale della struttura li picchiava, li costringeva al digiuno e limitavano i pazienti della loro libertà personale. I disabili erano chiusi al buio per ore nelle stanze senza acqua e cibo ed espletando i bisogni fisiologici sul pavimento. Somministravano terapie farmacologiche in modo massiccio per renderli incoscienti».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Dicembre 2021, 11:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA