Disabile marocchino insultato e minacciato sul tram. «Tornatene al tuo paese, ci fai perdere tempo»

Torino, disabile marocchino insultato e minacciato sul tram. «Tornatene al tuo paese, ci fai perdere tempo»

«Marocchino di m... tornatene al tuo Paese. Disabile di m... se ci fai perdere ancora tempo, ti tiriamo il collo». E' successo sul tram numero 4 a Torino, una delle linee più multietniche del capoluogo piemontese. Un uomo sulla sessantina, bloccato da un ragazzo che ha invitato tutti alla calma, ha anche cercato di picchiarlo e gli ha sputato addosso. «Sono salito sul tram e l'autista è venuto a dirmi che dovevo mettermi la cintura - racconta Abderrahim - Ma io sono tetraplegico, le mani le muovo appena: nemmeno volendo avrei potuto allacciarmi la cintura. E, se anche ci fossi riuscito, non si sarebbe chiusa, visto che la mia sedia a rotelle è troppo grande. Così il conducente mi ha consigliato di scendere».

Cervello riattivato 4 ore dopo la morte. Gli scienziati Usa: «Esperimento riuscito»


Aggredito e insultato su un tram di Torino perché marocchino e disabile. A denunciare l'accaduto è Abderrahim Belgaid, 62 anni, paralizzato dal 2006 dopo essere stato picchiato dal suo datore di lavoro. Martedì sera, intorno alle 19, l'uomo con la sua carrozzina elettrica è salito sul tram 4 della linea Gtt, all'altezza della stazione di Porta Nuova. Una volta a bordo del mezzo, però, non è riuscito ad allacciarsi le cinture di sicurezza, ritardando la partenza del tram e scatenando l'ira dei passeggeri.


 
Giovedì 18 Aprile 2019, 22:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA