«Vogliamo la dieta dei gruppi sanguigni»: sciopero dei bidelli, scuola costretta a chiudere

«Vogliamo la dieta dei gruppi sanguigni»: sciopero dei bidelli, scuola costretta a chiudere

«Provo sincero e profondo sconcerto» ha dichiarato il primo cittadino

Chiusa per un giorno una scuola elementare, che ha lasciato a casa 160 bambini, a causa dello sciopero da parte di quattro bidelli che hanno richiesto l'introduzione della dieta dei gruppi sanguigni. È quanto accaduto alla scuola "Gaggio Deledda" di Gaggio di Piano, frazione di Castelfranco Emilia (Modena) venerdì scorso.

 

Leggi anche - Lisa, morta per un tumore a 32 anni. L'ultimo saluto al marito: «Sono tranquilla, sono pronta»

 

Se il sindaco parla di «motivazioni da avanspettacolo», la dirigente scolastica dice di non aver avuto alternative.

«Rischiavo di trovarmi 160 bambini dai 6 ai 10 anni alle 7:30 del mattino fuori dalla scuola, senza alcuna assistenza dei collaboratori assegnati e senza poterli rimpiazzare», ha spiegato la dirigente Vilma Baraccani. Le astensioni dal lavoro sono state annunciate nei giorni scorsi quando i collaboratori scolastici hanno deciso di aderire alla mobilitazione indetta dal Sindacato autonomo europeo scuola ed ecologia.

Inevitabili i disagi delle famiglie che, soprattutto via social, hanno criticato un'iniziativa forse più legata al desiderio di un weekend lungo che a quello di una dieta che non ha ancora l'approvazione ufficiale della scienza e, al contrario, criticata da più parti proprio per la mancanza di una certificazione.

 

«Provo sincero e profondo sconcerto - ha dichiarato il primo cittadino -. Al netto del sacrosanto diritto di scioperare, ritengo che farlo con queste motivazioni significhi svilire il valore di un atto fondamentale quale è lo sciopero a tutela dei lavoratori».

Di contro, a non partecipare allo sciopero sono stati i docenti della elementari Deledda, nonostante la mobilitazione chiamasse in causa anche loro.


Ultimo aggiornamento: Domenica 14 Novembre 2021, 17:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA