Desirée, il padre: «È stata tratta di una trappola, lei non si fidava di nessuno»

Desirée, il padre: «È stata tratta di una trappola, lei non si fidava di nessuno»

“Da quando è successo sono morto pure io insieme a mia figlia. Io a mia figlia ci tenevo, la cercavo...Desirée per me era tutto e io per lei ero tutto”. Lo ha detto Gianluca Zuncheddu, padre di Desirée Mariottini, in un’intervista esclusiva ai microfoni di Storie Italiane di Eleonora Daniele su Rai1.

Desirée, una folla ai funerali: l'addio tra le rose bianche alla 16enne violentata e uccisa



Nel giorno dei funerali, il padre della sedicenne rinvenuta morta nel quartiere romano di San Lorenzo il 19 ottobre scorso, si lascia andare a un commovente racconto: “Fino ad oggi non ho mai parlato perché ho un dolore che non ce la faccio nemmeno a parlare. Che idea mi sono fatto? L’hanno portata là: è stata una trappola. Voleva rimanere a Roma (quella sera, ndr) perché si è fidata. Desirée non si fidava di nessuno, non rimaneva in giro… rientrava sempre”.


Se oggi si trovasse faccia a faccia con gli aguzzini della figlia, o con coloro che non hanno immediatamente allertato i soccorsi, Zuncheddu ha spiegato che: "Gli direi 'mi avete levato la vita', quella era la vita mia. Ma pure queste persone, queste ragazze che stavano insieme a mia figlia, spero gli facciano qualcosa. Queste persone sono carnefici. Sono diavoli, non sono persone normali”.

"Desirée non si era mai bucata. Ti posso dire che fumava le canne e beveva una birra… una cavolata così. Sempre bella, profumata, pulita, ordinata: era così Desirée. Amava la vita, le piaceva divertirsi con gli amici. Se aveva un giubbotto te lo regalava. Hai capito com’era? Era così Desirée. Era bravissima” ha concluso il padre con la voce rotta dal pianto. 
Martedì 30 Ottobre 2018, 18:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA