Denise Pipitone, la testimonianza choc a Pomeriggio 5: «Avrebbe visto Denise dopo il sequestro viva...»
di Emiliana Costa

Denise Pipitone, la testimonianza choc a Pomeriggio 5: «Avrebbe visto Denise dopo il sequestro viva...»

Denise Pipitone, la testimonianza choc a Pomeriggio 5«Avrebbe visto Denise dopo il sequestro viva...». Oggi, Barbara D'Urso è tornata a parlare del caso di Denise Pipitone, la bimba di Mazara del Vallo scomparsa il primo settembre 2004. Ospite in collegamento, la criminologa Anna Vagli che ha commentato la lettera anonima arrivata all'avvocato Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio.

 

Leggi anche > I Soliti Ignoti, Amadeus scopre il "trucco" di Barbara Alberti per indovinare le identità: «Che fai?»

 

Ecco le parole della criminologa: «La lettera riporta elementi che sono stati riscontrati dall'avvocato nel fascicolo, ma che non sono stati resi noti mediaticamente. Si presume quindi che il testimone sia attendibile. Descrive un fatto nuovo, 'di interessante credibilità', l'ha definita l'avvocato Frazzitta. Il testimone parla di una fase successiva al sequestro in cui Denise sarebbe ancora viva. E questo è un dato confortante. Lui dice di essere sicuro al cento per cento, ma dice che non sarebbe l'unico ad aver visto. Si sposterebbe, dunque, lievemente l'attenzione da Anna Corona e Jessica Pulizzi. Ci sarebbe una regia».

 

 

Poi, Barbara D'Urso intervista Pietro, amico di Piera Maggio: «Quella mattina in strada c'era tantissima gente, perché c'era il mercato. È impossibile che nessuno abbia visto. Appena ho sentito che la bambina era sparita sono andato a casa di Piera Maggio e ho trovato la nonna che piangeva. Ho pianto anch'io. Chi sa, parli». La ricerca continua.

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Maggio 2021, 20:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA