Denise Pipitone, giallo sull'annuncio dei risultati del test di Olesya: ma è arrivato un primo verdetto
di Simone Pierini

Denise Pipitone, giallo sull'annuncio dei risultati del test di Olesya: ma è arrivato un primo verdetto

Denise Pipitone e Olesya Rostova, l'ora della verità. Ora dopo ora è cresciuta l'attesa per l'esito della storia della piccola Denise Pipitone. Il programma “Lasciali Parlare”, in onda sul Primo Canale russo, mostrerà i primi risultati del test sul gruppo sanguigno effettuati su Olesya Rostova e quelli delle presunte madri della 20enne che ha dichiarato di essere stata rapita da bambina, poi portata in un campo rom e infine in un orfanotrofio. Ma la puntata andata in onda martedì sera non ha affrontato il caso di Denise che, con tutta probabilità, è rimandato a oggi, mercoledì 7 aprile. Un giallo che si è diffuso nel corso del pomeriggio dove si sono rincorse ipotesi su quando sarebbe andato in onda il servizio sulla bambina scomparsa in Sicilia diciassette anni fa.

 

 

 

Tuttavia oggi è arrivato un primo verdetto. In studio era infatti presenta un'altra famiglia russa che sta cercando la figlia scomparsa diversi anni fa, proprio come Denise. L'esito del test però non ha mostrato alcuna compatibilità. Durante Pomeriggio 5, in onda su canale 5, la conduttrice Barbara D'Urso ha inoltre rivelato il contenuto di un tweet del conduttore di "Lasciali Parlare": «Angela, Lidia, Denise, qual è il vero nome di Olesya?».

 

Leggi anche > Denise Pipitone, il confronto con Olesya Rostova. Il generale Garofalo a Pomeriggio: «Noi abbiamo il Dna»

 

 

Ciò che è andato in onda oggi non era altro che una prima registrazione che ha solo mostrato qualche anticipazione della puntata di domani (con le immagini di Denise che scorrevano) e che dovrebbe finalmente annunciare i risultati sul test sanguigno di Olesya Rostova paragonato con quello di Denise. In studio dovrebbe intervenire anche il legale di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta. 

 

Leggi anche > Denise Pipitone, cosa succederà nel programma russo questa sera? Una telespettatrice rivela un'anteprima

 

 

Il legale di Piera Maggio: «Non posso ancora dire nulla»

 

«Ho appena ricevuto la comunicazione, via mail, dall'avvocato di Olesya, a questo punto parteciperò al programma russo. Ma non posso dire nulla nel merito». Lo ha annunciato all'Adnkronos l'avvocato Giacomo Frazzitta, il legale di Piera Maggio, la madre di Denise Pipitone, la bimba di 4 anni scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo (Trapani). Alle 17 il legale parteciperà via Skype alla trasmissione della tv Primo Canale della Russia in cui si consocerà il contenuto della comunicazione sull'esame del sangue della giovane Olesya, la ragazza russa che potrebbe essere Denise.

 

«Ho l'embargo sul contenuto - spiega ancora Frazzitta - posso solo dire che trasmetteremo tutto in Procura a Marsala e i magistrati sanno cosa fare». «Acquisiremo il dato dopo che la tv russa avrà trasmesso la tarsmissione», spiega. E ribadisce: «Abbiamo ricevuto da parte dell'avvocato una mail di cooperation e di collaborazione, quello che ci aspettavamo e quindi parteciperò. Altro non posso dire». La trasmissione televisiva si chiama «Lasciali parlare» e va in onda sull'emittente russa Primo canale, per il primo faccia a faccia con la ragazza in cerca della propria madre.

 

 

Polemiche sul programma russo

 

Le modalità del programma hanno fatto molto discutere l'Italia e nello specifico la mamma di Denise, Piera Maggio e il suo legale, che dovrebbe anche intervenire nel corso della trasmissione collegato dall'Italia. La tv russa non ha voluto dare alcuna anticipazione dei risultati a nessuna delle famiglie coinvolte, creando di fatto un vero e proprio circo mediatico.

 

Resta quindi la suspance fino alla messa in onda, già posticipata da ieri a questa sera, anche se potrebbe essere registrata oggi e mandata in onda domani. Sarà possibile, seguire la trasmissione sulla piattaforma streaming del primo canale, anche se ovviamente sarà trasmesso in russo. 

 

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Aprile 2021, 15:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA