Davide Pecorelli trovato vivo: l'imprenditore scomparso 9 mesi fa era alla deriva su un gommone

Davide Pecorelli trovato vivo: l'imprenditore scomparso 9 mesi fa era alla deriva su un gommone

Davide Pecorelli è vivo. Oggi, l'imprenditore di San Giustino scomparso 9 mesi fa, dovrebbe riabbracciare i suoi familiari. L'uomo è stato rintracciato a bordo di un'imbarcazione nei pressi di un'isoletta al largo di Livorno. Un lieto fine dopo la sparizione di 9 mesi fa.


Leggi anche > Olbia, trova borsello con 10.000 euro nel carrello della spesa e lo restituisce al proprietario

 

Le ultime tracce lo portavano in Albania, dove fu trovata anche la sua macchina incendiata. L'imprenditore ed ex arbitro di calcio si era recato in Albania per lavoro, come molte altre volte in passato. Impegnato nella ristorazione con un hotel a Lama, dove abita, e nella gestione in franchising di parrucchieri e centri estetici a San Giustino, Città di Castello, Sansepolcro e Corciano, aveva ampliato i suoi investimenti anche in terra albanese, ben prima che il covid e la pandemia lo mettessero in difficoltà. Giunto all’aeroporto di Tirana subito dopo Capodanno, Pecorelli aveva noleggiato una Skoda Fabia che tra il 7 e l’8 gennaio un contadino ha ritrovato carbonizzata a Puka.

 

Le forze dell'ordine sono risalite all'identità di quell'auto grazie ai documenti con i quali l'uomo ha affittato la macchina. È stato indicato come «turista straniero», ma da quel giorno di Davide Pecorelli si perdono le tracce. Secondo gli investigatori ermerge che nell’auto bruciata a Reps, nella zona di Gjegjan di Puka, c’erano ossa umane, un orologio di valore e un cellulare. Ma, dall’Italia, non è chiaro se e in quale modo sia collegata alla scomparsa di Pecorelli.

 

Poi è stato stabilito che quando la macchina ha preso fuoco, Pecorelli stesse rientrando in albergo da un giro per affari nel nord dell’Albania, come ha affermato il suo socio di quella nazionalità. Ora, a distanza di 9 mesi, la notizia che fa terminare la vicenda in tutt'altro modo rispetto a come si pensasse. L'imprenditore verrà subito ascoltato dalle autorità di Perugia, dirette dal procuratore Cantone, per capire come sia andata realmente la vicenda.

 

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Settembre 2021, 00:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA