Curcuma, integratori ritirati dal mercato: 15 consumatori hanno contratto l'epatite

di Alessia Strinati
Scatta l'allarme sul consumo di alcuni integratori a base di curcuma. Il Ministero della Salute ha provveduto, a scopo precauzionale, al ritiro dal mercato di numerose confezioni di integratori perché ritenute responsabili di circa 15 casi di epatite che sono stati segnalati nel mese di maggio.

Stress da lavoro, il burnout diventa ufficialmente una sindrome

I quindici casi sono stati segnalati all'Istituto superiore di sanità (Iss)e riguardano una forma di epatite colestatica acuta, non infettiva e non contagiosa. In merito si stanno svolgendo delle analisi per fare verifiche e accertarne la natura. Si tratta del Versalis – Geofarma s.r.l., prodotto da Labomar; Rubigen curcuma e piperina, lotto 250119, di Naturfarma; Curcumin+piperin – Vegavero -, prodotto da Vanatari International GMBH ; Naturando Maximum Curcuma, lotto 18L264, di EKappa laboratori Srl.

Sono prodotti diversi, commercializzati da diverse aziende, accomunati però dalla presenza della curcuma tra gli ingredienti. L'ipotesi è che siano stati confezionati con la stessa materia prima contaminata. «È stato avviato sin dall'inizio, insieme alle Regioni, un sistema di segnalazione in tutte le Asl. È probabile, quindi, che si aggiungeranno altri casi», ha spiegato infatti Marco Silano, direttore dell'unità di nutrizione e salute dell'Istituto Superiore di Sanità. Tutti i consumatori di integratori a base di curcuma sono stati invitati a sospendere il consumo in via precauzionale.
Martedì 28 Maggio 2019, 19:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA