Cucchi, striscione choc contro Tedesco: «Infame, vergogna della città». Quella strana firma

Cucchi, striscione choc contro Tedesco: «Infame, vergogna della città». Quella strana firma

«Per l'infame nessuna pietà, sei la vergogna della città»: queste parole, su uno striscione firmato Curva Sud, sono apparse a Brindisi nei pressi del cavalcavia De Gasperi. Destinatario degli insulti è Francesco Tedesco, originario proprio di Brindisi, il carabiniere imputato che ha accusato altri due colleghi del pestaggio di Stefano Cucchi, morto nel 2009. 

Esclusivo, la lettera di Ilaria Cucchi a Leggo: «E papà guarda il film sperando cambi il finale»​

La svolta al processo: «Pugni e calci in faccia. Poi mi dissero: fatti i c... tuoi»



Gli agenti della Digos di Brindisi stanno indagando sullo striscione, apparso nella notte tra sabato e domenica, poi rimosso. Tedesco è imputato con altri due colleghi di omicidio preterintenzionale. Tedesco, sospeso dal servizio, vive proprio a Brindisi e la notizia era apparsa sui quotidiani locali.

Chi è Francesco Tedesco, il carabiniere che accusa due colleghi del pestaggio



Già in passato, non appena era divenuto noto il suo coinvolgimento nella vicenda, erano stati esposti striscioni con scritte a lui rivolte nei pressi dell'abitazione e della palestra da lui frequentata. Tedesco ha anche denunciato gli autori di alcune presunte offese apparse su Facebook.

«Sono rinato, ho fatto il mio dovere». Indagati altri due carabinieri



Lunedì 15 Ottobre 2018, 14:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA