Covid, la nuova paura: Variante indiana, casi in Veneto, ma è allerta anche nel Lazio

Video
di Simone Pierini


Domenica il ministro Speranza ha chiuso i nostri confini a chi negli ultimi 14 giorni è stato in India, ma potrebbe essersi rivelata una misura tardiva. Ieri mattina il governatore veneto Luca Zaia ha ufficializzato la presenza di due casi di variante indiana nella sua regione.

 

«Sono padre e figlia residenti Bassano rientrati dall’India, ora in isolamento fiduciario a casa. La conferma è giunta dall’Istituto Zooprofilattico del Veneto», ha detto aggiungendo come stiano «gestendo la questione senza allarmismi».

 

Trema anche il Lazio con la comunità dei lavoratori agricoli indiani della provincia di Latina. «È in corso una vasta indagine epidemiologica nei confronti della comunità Sikh in collaborazione con la Prefettura, l’Asl e le autorità religiose» ha chiarito l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. 

 

Variante indiana, indagine sul focolaio dei sikh a Latina: quasi 300 positivi, screening nelle aziende agricole

 

 

LE CARATTERISTICHE 
Il virologo Fabrizio Pregliasco ha tracciato un primo profilo della variante indiana. «Di sicuro ci piace poco perché ha due mutazioni nella proteina Spike, che rendono più facile l’inserimento all’interno dell’organismo», ha dichiarato ad Agorà. «Da un lato - ha precisato - bisognerà capire se e quanto è più contagiosa rispetto al virus originale, come sembra, e poi servirà chiarire se sfugge ai vaccini». Sembra comunque, «da uno studio israeliano che il vaccino Pfizer protegga almeno in parte». 

 


CRISANTI PREOCCUPATO
Non è affatto ottimista - come spesso accade - il virologo Andrea Crisanti: «Se la variante indiana di Sars- CoV-2 è stata trovata in Veneto, vuol dire che è già ampiamente diffusa anche altrove. Perché il nostro Paese ha una bassissima capacità di sorveglianza, non ha la sensibilità necessaria per intercettare tempestivamente i mutanti». «Sembra una variante che ha un’elevata capacità di trasmissione - ha aggiunto - e, sulla base delle mutazioni che la caratterizzano, potrebbe avere anche una certa resistenza al vaccino». 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 27 Aprile 2021, 14:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA