Covid, tre casi di variante brasiliana: è una famiglia appena rientrata in Italia

Covid, tre casi di variante brasiliana in Abruzzo: è una famiglia appena rientrata in Italia

Coronavirus, altri tre casi di variante brasiliana in Italia. Si tratta di una famiglia residente in Abruzzo, nell'Aquilano, rientrata da pochi giorni dal Brasile. Immediato il tracciamento dei contatti, che ha coinvolto circa 70 persone.

 

Leggi anche > Vaccino anti Covid, Moderna: «Efficace anche contro le varianti». Si studia la terza dose o il "booster"

 

La rilevazione

Ad annunciare l'individuazione dei tre casi di variante brasiliana è stato il presidente dell'Abruzzo, Marco Marsilio. La mutazione è stata rilevata dall'Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Abruzzo e del Molise «G. Caporale». I tre casi sono stati rilevati in una famiglia di Poggio Picenze (L'Aquila), messa subito in isolamento, composta dal padre italiano, dalla madre brasiliana e dai loro due figli. A risultare positivi la coppia e uno dei due figli: la Regione Abruzzo fa sapere che hanno sintomi lievi.

 

Il tracciamento

La famiglia aquilana era rientrata dal Brasile un paio di settimane fa. Dopo aver preso un volo fino a Lisbona, la famiglia ha preso un altro aereo per Roma ed è rientrata a bordo di un bus a L'Aquila. Tutti sono stati sottoposti a tampone molecolare una volta rientrati dall'estero. Il 18 gennaio il test ha dato esito positivo. Poi sono partite le attività di sequenziamento del virus da parte degli esperti dell'Istituto Zooprofilattico sperimentale di Abruzzo e Molise. Sono una settantina le persone individuate nell'ambito del tracciamento dei contatti della famiglia abruzzese risultata positiva alla variante brasiliana del coronavirus. Sono già state contattate dalle autorità sanitarie ai fini dell'isolamento fiduciario o del monitoraggio.

 

Le rassicurazioni della Regione

«Questa vicenda dimostra che il sistema funziona. Abbiamo subito messo in atto tutte le procedure e siamo stati in grado di intercettare la variante, grazie alle eccellenze che abbiamo in Abruzzo. I risultati sono stati messi subito a disposizione dell'Istituto superiore di sanità». Lo dice all'ANSA l'assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, a proposito dei tre casi di variante brasiliana del coronavirus individuati in Abruzzo. Il riferimento dell'assessore è all'Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Abruzzo e del Molise, centro di riferimento nazionale per il sequenziamento genomico e le analisi bioinformatiche, che ha individuato per la prima volta la variante brasiliana con il sequenziamento completo del genoma del virus, già messo a disposizione della comunità scientifica sulle piattaforme internazionali. Più in generale, alla luce delle ultime novità relative alla variante individuata in Abruzzo, secondo Verì «per i cittadini cambia poco: bisogna continuare a rispettare le regole e le misure di prevenzione».


Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Gennaio 2021, 19:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA