Covid, tamponi obbligatori e passaporti vaccinali: ecco come potrebbe essere la prossima estate

Covid, tamponi obbligatori e passaporti vaccinali: ecco come potrebbe essere la prossima estate

La lotta al Covid è ancora in corso ma già si parla di estate e di come potrebbero essere le prossime vacanze nella speranza che la pandemia possa allentare la sua presa. Il ministro Garavaglia pensa a un piano per far ripartire il turismo e parla di tamponi obbligatori per chi deciderà di viaggiare per avere la certezza della negatività al virus. 

 

Leggi anche > Coronavirus, Cts riunito: zone rosse e chiusure. Le ipotesi: dal week-end blindato al coprifuoco dalle 19

 

Come riporta Il Messaggero il tampone sarà obbligatorio per chi alloggia per più di una settimana in hotel, capeggi, villaggi vacanze, bad & breakfas. Stesso obbligo varà per chi cambia struttura ricettiva nel corso della vacanza, in questo caso il tampone dovrà essere effettuato 24 o 48 ore prima del nuovo soggiorno. L'idea è quella di emulare il modello della Sardegna. Nel caso in cui i contatti dovessero calare diventerà indispensabile mantenere il trend sotto controllo e ristabilire un tracciamento che sia efficace.

 

L'idea è di gestire la stagione estiva in sicurezza garantendo al settore del turismo una ripartenza in sicurezza. La certezza di persone negative all'interno della struttura consentirà anche una maggiore ricezione. Non solo tamponi ma anche richieste di certificati di vaccinazione, come sta valutando la Sicilia. La stessa cosa potrebbe essere attuata per i treni e per gli aerei, imponendo l'obbligo di tampone negativo prima di mettersi in viaggio. Per i viaggi all'estero intanto l'Europa sta già valutanto un green pass, un passaporto vaccinale che consentirà gli spostamenti solo a coloro che hanno ricevuto il siero. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 9 Marzo 2021, 11:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA