Report Iss: «Nelle intensive il tasso di ricovero dei non vaccinati è 26,7 casi su 100mila. Lo 0,9 per chi ha fatto booster»

Report Iss: «Nelle intensive il tasso di ricovero dei non vaccinati è 26,7 casi su 100mila. Lo 0,9 per chi ha fatto booster»

Il tasso di ricovero in terapia intensiva per i non vaccinati è 26,7 ogni 100mila, mentre per chi ha completato il ciclo vaccinato con la dose booster si ferma allo 0,9. Non solo: nei soggetti vaccinati con dose aggiuntiva l’efficacia nel prevenire la diagnosi e i casi di malattia severa è pari rispettivamente al 68,8% e al 98%. Sono condensati nell’ultimo report settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità i dati del monitoraggio sull’andamento della pandemia che fotografano l’impatto della vaccinazione sulla prevenzione di infezioni, ricoveri e decessi.

 

 

È in aumento la percentuale di casi Covid tra gli operatori sanitari rispetto al resto della popolazione. Lo rileva sempre il Report esteso dell'Istituto superiore di sanità (Iss), che integra il monitoraggio settimanale sul Covid. A seguito dell'inizio della somministrazione delle dosi booster, «si era osservata una diminuzione della percentuale dei casi tra operatori sanitari, ma nelle ultime 2 settimane - afferma l'Iss - si è registrato un aumento del numero di casi segnalati: 12.009 rispetto ai 10.393 della settimana precedente. La percentuale di casi sul totale risulta in lieve diminuzione da 2,0% della settimana precedente a 1,8%». 

 

 

 Nelle ultime due settimane si è osservato un «forte aumento dell'incidenza in particolare per la classe di età 16-19 anni e un forte aumento del tasso di ospedalizzazione nella fascia <5 anni (> 10 ricoveri per 1.000.000 abitanti) e un aumento più contenuto nella fascia 16-19 anni». Lo evidenzia il Report esteso dell'Istituto superiore di sanità (Iss), che integra il monitoraggio settimanale sul Covid. Nell'ultima settimana, si legge nel Report, rimane invece stabile la percentuale dei casi segnalati nella popolazione di età scolare (20%). Il 31% dei casi in età scolare è stato diagnosticato nella fascia d'età 5-11 anni, il 59% nella fascia 12-19 anni e solo il 10% nei bambini sotto i 5 anni. Nel periodo 27 dicembre 2021 - 9 gennaio 2022, si sottolinea, nella popolazione 0-19 anni sono stati segnalati 340.005 nuovi casi, di cui 1.245 ospedalizzati, 14 ricoverati in terapia intensiva e un decesso. Nell'ultima settimana si osserva un aumento dell'incidenza in tutte le fasce d'età rispetto alla settimana precedente: in particolare, l'incidenza nella popolazione di età 12-19 anni risulta pari a 2.489 casi per 100.000 vs 1.840 casi per 100.000 nella settimana precedente.

 

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 15 Gennaio 2022, 14:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA