Covid, primario accusato di omicidio volontario: chiesti 24 anni di carcere. Cosa è successo

Carlo Mosca, primario del pronto soccorso all'ospedale di Montichiari (Brescia), secondo il pm avrebbe somministrato dei farmaci pericolosi a due pazienti, poi deceduti

Covid, primario accusato di omicidio volontario: chiesti 24 anni di carcere. Cosa è successo

Covid, chiesti 24 anni di carcere per un medico lombardo. Carlo Mosca, primario all'ospedale di Montichiari (Brescia), è accusato di omicidio volontario per la morte di due pazienti durante la prima ondata della pandemia, nei primi mesi del 2020.

Leggi anche > False vaccinazioni Covid per il Green pass in cambio di soldi: condannato un medico

Carlo Mosca, primario del pronto soccorso dell'ospedale di Montichiari, era stato già sospeso in seguito alle prime indagini. Ora, il pm di Brescia, Federica Ceschi, ha chiesto una condanna a 24 anni. Il medico è accusato di omicidio volontario per la morte di due pazienti, a cui avrebbe somministrato Propofol e Succinilcolina, che per l'accusa sono «farmaci incompatibili con la vita».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 1 Luglio 2022, 14:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA