Scuole chiuse, da lunedì in Piemonte tutti in Dad: covid in risalita

Scuole chiuse, da lunedì in Piemonte tutti in Dad: covid in risalita

Il Piemonte chiude le scuole. Nonostante la regione non si trovi in zona rossa, da lunedì 8 marzo l'attività didattica di seconde e terze medie e delle scuole superiori si svolgerà in dad al 100%, per 15 giorni.

 

Venerdì, alla luce dei dati degli oltre trenta distretti sanitari del Piemonte, la Regione estenderà la didattica a distanza anche per gli ordini e gradi scolastici inferiori nelle aree dove l'incidenza dei contagi supera la soglia di allerta (250 casi ogni 100 mila abitanti) o sono presenti gli altri parametri in attuazione del nuovo Dpcm, ovvero la presenza certificata di casi da variante con azioni restrittive già attuate e l'incremento improvviso di contagi nell'ultima settimana.

 

Covid, l'allarme di Bertolaso: «Tutta l'Italia si avvicina a grandi passi alla zona rossa»

 

Quanto alla scuola, Cirio ha sottolineato che "per la prima volta ieri il Cts ha detto la misura al di sopra di quale valore le scuole diventano pericolose. Il Dpcm - ha spiegato- dice con chiarezza che se ci sono situazioni in cui si superano i 250 casi su 100 mila abitanti, oppure c’è una presenza conclamata di variante o una situazione allarmante improvvisa, bisogna applicare la zona rossa con la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado. Per questo motivo ho commissionato uno studio per verificare, comune per comune, l’esistenza di uno di questi presupposti. Se ci saranno automaticamente verranno attuate le ordinanze di chiusura come prevede il decreto". 

 

"La chiusura delle scuole - ha continuato - è un automatismo previsto dal governo nel caso si verifichino alcune condizioni (situazioni in cui si superano i 250 casi su 100 mila abitanti, oppure una presenza conclamata di variante o una situazione allarmante improvvisa, ndr) ma certificato dai medici che per la prima volta hanno detto con quali valori si deve chiudere una scuola perché può essere pericoloso. Questo è un passo avanti perché da’ certezze a noi governatori, al governo stesso, ma innanzitutto al mondo della scuola".


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 3 Marzo 2021, 19:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA