Morta di Covid a 28 anni dopo il parto, il dramma di Palma. La famiglia accusa: «Ritardi nei soccorsi»

Morta di Covid a 28 anni dopo il parto, il dramma di Palma. La famiglia accusa: «Ritardi nei soccorsi»

Lutto cittadino nel casertano per la morte di Palma Reale, la 28enne deceduta a causa del Covid dopo aver partorito. La ragazza è tra le vittime più giovani del virus in Campania e non era vaccinata. Dai familiari le accuse ai sanitari per averle detto di curarsi a casa. Poi la corsa disperata al Policlinico di Napoli per una polmonite interstiziale e il successivo aggravarsi delle sue condizioni.

 

Leggi anche > Contrae il Covid da un'infermiera no vax: Mirella muore in ospedale. Lo sfogo del figlio: «Non è una malattia come le altre»

 

Palma muore di Covid dopo il parto

La donna, che era incinta all'ottavo mese e mezzo e non era vaccinata, è riuscita a dare alla luce il suo bambino prima di essere trasferita in terapia intensiva. Lascia un marito e quattro figli. Il marito Alfonso Vozza ha spiegato a Fanpage.it che dopo ferragosto è risultata positiva al tampone come tutta la sua famiglia e che i medici hanno perso del tempo prezioso rimandandola a casa. Fatali sarebbero anche i ritardi nei soccorsi. 

 

Palma muore di Covid dopo il parto

«Siamo risultati positivi lo scorso 18 agosto, ma al pronto soccorso dell’ospedale di Caserta ci hanno rimandato a casa - ha spiegato Alfonso - dicendo che potevamo curarci presso il nostro domicilio. Ciò, nonostante mia moglie fosse all’ottavo mese e mezzo di gravidanza. Ore a telefono per far arrivare un’ambulanza, non sapevano neanche loro cosa fare. Alla fine, per fortuna, è intervenuto il sindaco, e finalmente si è mosso qualcosa e mia moglie è stata portata al Policlinico a Napoli». E proprio il primo cittadino Antonio Diana ha  proclamato il lutto cittadino nel giorno dei funerali. 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Settembre 2021, 18:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA