Covid, la Lombardia ha immunità maggiore: «Rischi per il Sud e le isole»

Covid, la Lombardia ha immunità maggiore: «Rischi per il Sud e le isole»

La Lombardia potrebbe avere un'immunità maggiore rispetto ad altre regioni, soprattutto al Sud, dove il rischio nei prossimi mesi sarà più alto. Lo ha spiegato Giuseppe Remuzzi, direttore dell'Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri Irccs, oggi a margine del convegno 'Covid-19, il virus ignorante', organizzato dalla Fondazione The Bridge in collaborazione con Regione Lombardia. «A Bergamo andiamo bene sul fronte dell'immunità a Sars-Cov-2, in Lombardia anche. Adesso il problema può essere al contrario in Campania, in Calabria, nelle Isole. Il rischio è che possa succedere lì quello che è successo qui, ma non con la stessa gravità. Ci vorranno però un paio di mesi perché arrivino loro al punto dove siamo noi adesso», le sue parole.

Leggi anche > Il Genoa fa tremare la Serie A. L'infettivologo Bassetti: «È la Waterloo dei tamponi»

«Noi - annuncia - stiamo uscendo con un lavoro scientifico che valuta l'immunità di 500 persone fra ricercatori del Mario Negri Bergamo, di Brembo e un altro gruppo. In generale qualcuno ha detto in quest'area si potrebbe arrivare al 60%. Io credo che ci sono aree di Bergamo dove si raggiunge un 40% di immunità», in termini di anticorpi. In generale nel capoluogo orobico «siamo attorno al 30% di positività agli anticorpi, secondo i dati Ats. Noi presto avremo i dati nostri. Il lavoro è stato accettato e uscirà a breve e fa vedere tante cose di questo virus».

Tutti, prosegue, «dicono che il virus non è mutato, in realtà è mutato tantissime volte. Si dice così nel senso che non è mutato in senso favorevole a noi. Ma questo è un virus che muta. Certo è che non si ritornerà più al tempo in cui c'era questa situazione qui», ai tempi dell'emergenza più dura. «Nel mondo i casi confermati con anticorpi stanno riducendosi e questo dà l'idea di un'epidemia che a un certo punto si fermerà. Ci vorrà del tempo, può darsi anche uno o due anni, ma sarà una cosa sempre meno drammatica». Quanto alla Lombardia, «non arriviamo mi pare al 20% di anticorpi, però c'è l'immunità delle cellule T che si calcola sia il doppio degli anticorpi, quindi se è il 20%» quella degli anticorpi «arriviamo al 60%» in totale. A Milano siamo intorno al 10% di presenza di anticorpi.

Il concetto, conclude Remuzzi, «ha a che fare con una situazione in cui si supera una certa soglia. Qualcuno ha detto che basta il 20% perché il virus faccia fatica a circolare. Non si parla di immunità di gregge, però bisogna tener conto che non ci sono solo gli anticorpi, c'è l'immunità conferita dalle cellule e dagli anticorpi. Mettendo insieme tutto è possibile che si arrivi a una protezione maggiore», quindi che si arrivi «al 60% mettendo insieme tutto. Ma non abbiamo dati sicuri perché è molto difficile studiare la parte cellulare». Quanto alla speranza del vaccino, «quello anti-coronavirus all'inizio sarà per pochissimi. Invece abbiamo dei vaccini che funzionano e lo sappiamo già: quello per l'influenza, per il pneumococco, per la turbercolosi, e anche i vaccini dei bambini - morbillo, parotite e polio addirittura - proteggono contro questo virus». 

Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Settembre 2020, 20:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA