Covid, l'Istat: «In un anno l'Italia è retrocessa nella speranza di vita»

Covid, l'Istat: «In un anno l'Italia è retrocessa nella speranza di vita»

Il Covid, nel giro di un anno, è riuscito ad annullare uno dei primati positivi dell'Italia: quello della speranza di vita. Lo ha certificato l'Istat, nel decimo rapporto Benessere equo e sostenibile dell'istituto nazionale di statistica.

 

Leggi anche > Weekend in lockdown, le nuove misure: bar, ristoranti, spostamenti e anticipo del coprifuoco

 

Negli ultimi dieci anni, infatti, l'Italia aveva ottenuto notevoli guadagni in anni di vita attesi. Nel giro di un anno, dall'inizio della pandemia, quell'avanzamento è stato annullato completamente al Nord, nelle aree più colpite dall'emergenza, e parzialmente in tutte le altre aree del territorio nazionale.

 

Se nel 2010 la speranza di vita alla nascita era di 81,7 anni, nel 2019 il dato era arrivato a 83,2, scendendo drasticamente nel 2020, a 82,3 anni. «Gli indicatori hanno registrato impatti particolarmente violenti su alcuni progressi raggiunti in dieci anni sulla salute, annullati in un solo anno» ha detto il presidente Istat, Gian Carlo Blangiardo. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 10 Marzo 2021, 11:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA