Green pass ridotto a nove mesi e terza dose d’obbligo per i medici. Tutte le misure

Le Regioni insistono: restrizioni solo per i no vax

Video
di Giammarco Oberto

I governatori da una parte, che spingono per limitare ai no vax le restrizioni che la recrudescenza del virus fa intravedere all’orizzonte. Dall’altra il governo, per cui la quarta ondata in Italia ancora non colpisce duro come nell’Europa centrale e dell’Est. Un tiro alla fune che però porterà a una prima stretta già nel Consiglio dei ministri previsto per la prossima settimana. Uniche certezze, per ora, una “sforbiciata” alla durata del green pass, la cui validità passerà da 12 a 9 mesi, e l’obbligo a sottoporsi alla terza dose di vaccino anti-Covid per il personale sanitario.

 

Assegno unico, c'è il via libera: fino a 175 euro per ogni figlio

 

Entrambi i provvedimenti sono dettati dalla necessità di spingere la corsa alla terza dose. Finora l’hanno ricevuta 3,4 milioni di italiani, l’obiettivo è accelerare entro Natale. Per questo ieri sera il commissario per l’emergenza Figliuolo ha dato il via libera alle Regioni per anticipare a lunedì 22 la somministrazione del booster agli over 40, «purché siano trascorsi almeno sei mesi dalla seconda dose». Nelle corsie il terzo richiamo va a rilento: secondo la Federazione italiana delle aziende sanitarie e ospedaliere, la percentuale di medici, infermieri e operatori sanitari che hanno ricevuto la terza dose è del 42%. «Con questo ritmo saranno necessarie 5-6 settimane per il completamento - dice Giovanni Migliore, presidente Fiaso - dobbiamo accelerare». Ecco perché il booster diventerà obbligatorio per i camici, probabilmente dal primo dicembre.

 

Covid, il bollettino di giovedì 18 novembre 2021: 10.638 nuovi contagi e altri 69 morti. Lombardia oltre 1.700 casi

 

Fonti del governo confermano che per ora non ci sono in vista altre strette, nonostante aumenti il fronte dei governatori che fanno pressing su Palazzo Chigi affinché le future restrizioni siano limitate a chi per scelta non si è vaccinato: il modello “Austria”, insomma. Le richieste sono state ufficializzate durante la conferenza Stato-Regioni di ieri. I governatori chiedono un “green pass a due velocità”. Spiega il presidente della Liguria Toti: «Uno per i vaccinati e uno derivante da tampone per i servizi essenziali». In caso di retrocessione in arancione o in rosso, a perdere il diritto alla socialità sarebbero dunque solo i non vaccinati, con il green pass da tampone.

 

 

Sulla questione i governatori hanno chiesto un incontro urgente con il governo, «al massimo entro 72 ore». Perché, dice Toti, «il 90% degli italiani non può essere tenuto in scacco da un 10% che non comprende l’importanza del vaccino». Cadere in arancione, a ridosso del Natale, spaventa le Regioni. Che già corrono ai ripari in ordine sparso: in Sicilia Musumeci ha disposto il ritorno delle mascherine all’aperto «in luoghi particolarmente affollati».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 19 Novembre 2021, 08:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA