Covid, Crisanti: «Non si sa se il vaccino copre la variante inglese e brasiliana. Serve una chiusura totale»

Covid, Crisanti: «Non si sa se il vaccino copre la variante inglese e brasiliana. Serve una chiusura totale»

Il vaccino per il Covid potrebbe non funzionare per la variante inglese ed esistono forti dubbi su quella brasiliana. A spiegarlo all'Adnkronos Salute è il virologo Andrea Crisanti, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell'Azienda ospedaliera di Padova e docente di Microbiologia dell'ateneo cittadino.

 

Leggi anche > Italia a fasce, 12 regioni «arancioni»: ecco quali sono. La Lombardia torna zona rossa, la Campania resta gialla

 

Le varianti

 

L'esperto chiarisce il nodo delle varianti spiegando che si tratta di un punto cruciale. Quella inglese si trasmette con più facilità  e questo incide sull'indice Rt  e alza la soglia dell'immunità di gregge. In Italia la variante è stata riscontrata in alcune aree ma non c'è prova che possa essere associata a un'impennata dei contagi: «Bisognerà capire se diventa maggioritaria e allora le si può attribuire» delle responsabilità per l'andamento dell'epidemia, «ma finché sono rilevazioni occasionali non si può dire nulla».

 

I timori

 

A livello internazionale le varianti iniziano a preoccupare. A tal riguardo il virologo spiega che l'unico modo per cercare di diminuire i contagi e la possibilità che le varianti si diffondano o se ne creino altre mettendo a rischio la campagna di vaccinazione, è quello di aumentare le restrizioni. «Bisogna evitare che il virus corra e continui a infettare passando di persona in persona e questo è l'unico modo: diminuire la trasmissione e vaccinare velocemente più persone. Non credo che abbiamo altre opzioni».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 15 Gennaio 2021, 19:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA