Covid, Costa: «Stop green pass ma vaccino negli ospedali. L'obbligo di mascherina resta in alcuni casi»

Il sottosegretario alla Salute illustra le novità che arriveranno a breve

Covid, Costa: «Stop green pass ma vaccino negli ospedali. L'obbligo di mascherina resta in alcuni casi»

Covid, in arrivo diverse novità: a illustrarle il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa. I principali nodi riguardano lo stop al green pass e l'abolizione dell'obbligo di mascherina al chiuso.

Leggi anche > Mario Draghi guarito dal Covid: il presidente del Consiglio oggi torna a Palazzo Chigi

Costa: «Stop green pass ma vaccino obbligatorio negli ospedali»

«Negli ospedali si continua a mantenere l'obbligo di vaccinazione fino a fine anno e, per coloro che non lo rispettano, non ci sarà la possibilità di essere reintegrati sul posto di lavoro. Questo è rimasto un punto fermo del Governo». Mentre «per tutto il resto, dal primo maggio il Green Pass non sarà più richiesto» e questo «è il vero elemento di cambiamento, il segno tangibile di una fase nuova». Così, a RTL 102.5, il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, che ha aggiunto: «dopo due anni di regole dobbiamo veicolare messaggi rassicuranti ai cittadini che dimostrato un grande senso di responsabilità».

Costa: «Mascherina ancora obbligatoria per trasporti, cinema, teatri, scuole e stadi»

Prorogare di un mese l'obbligo della mascherina al chiuso, come trasporti, cinema e teatri, scuole e stadi. Altrove basta una raccomandazione. Così il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa su RTL 102.5. Per le mascherine «si continua a mantenere l'obbligo al chiuso e riservarlo in alcune situazioni: trasporti pubblici, cinema, teatri, luoghi dove c'è un affollamento maggiore. Lì è ragionevole pensare a una proroga di un mese dell'obbligo. Per tutto il resto si può passare a una raccomandazione». «Entro questa settimana - conclude - verrà presa una decisione. Ragioniamo per arrivare a un'estate senza restrizioni».

Costa: «Obbligo di mascherina in discoteca irreale»

«All'interno delle discoteche pensare all'obbligo delle mascherine è irreale e utopistico». Mentre rispetto all'utilizzo della mascherina sui luoghi di lavoro «mi auguro si possa arrivare a una raccomandazione e affidarci a un senso di responsabilità dei cittadini». Il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, intervistato a RTL 102.5 risponde così rispetto in merito alle attività in cui l'obbligo di mascherina al chiuso resterà dal primo maggio. «Sulle discoteche - ha aggiunto - non possiamo essere ipocriti. Sono luoghi di aggregazione dove si balla. L'uso della mascherina credo sia utopistico, dobbiamo essere realisti». Mentre rispetto alle mascherine sui luoghi di lavoro «si sta ancora discutendo per arrivare a trovare una sintesi» perché «credo diventi difficile e complicato andare a regolamentarlo».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 27 Aprile 2022, 13:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA